Trenitalia sanzione Antitrust: multe troppo salate per chi è senza biglietto COMMENTA  

Trenitalia sanzione Antitrust: multe troppo salate per chi è senza biglietto COMMENTA  

trenitalia

Multata dall’Antitrust per “scorretta pratica commerciale” sulle procedure relative alle “irregolarità di viaggio” con particolare riferimento alla mancanza di biglietto. Trenitalia dovrà pagare una sanzione pari ad un milione di euro all’Autorità garante della concorrenza e del mercato proprio a causa delle multe eccessivamente salate comminate nei confronti dei viaggiatori che non possiedono il biglietto.

Leggi anche: Maria Elena Boschi? Nessun conflitto di interesse

La procedura seguita da Trenitalia risulta infatti essere troppo afflittiva, in quanto il trasgressore è tenuto a pagare, oltre all’importo del ticket di viaggio, una sovrattassa compresa tra 50 e 200 euro e inoltre un’altra somma come “oblazione”. Tale regola vige anche nel caso in cui la trasgressione è avvenuta a causa di un disservizio oppure per situazione dovuta a causa maggiore.

Leggi anche: La proposta di legge sulla sharing economy piace all’Antitrust

Le Ferrovie non sono d’accordo, ed infatti hanno annunciato di ricorrere al Tar. Inoltre la società trasporti ha dichiarato che a partire dalla primavera del 2015 sono previste alcune novità a vantaggio dei viaggiatori, prima fra tutte un indennizzo più rapido per ritardi di convogli che rientrano nei 30 minuti.

Leggi anche

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenzevoleva finire il turno
Attualità

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenze

Nasce un bambino disabile perché i medici non hanno voluto fare gli straordinari. La malsanità oggi è all'ordine del giorno in Italia.   Una mamma disperata e traumatizzata di Catania racconta. "Li imploravo di farmi il cesareo, ma loro mi ignoravano. Ora mio figlio è disabile e non so ancora un giorno potrà parlare e camminare, non so nemmeno se sente la mia voce". La donna doveva partorire e i medici le hanno negato il parto cesareo per evitare lo straordinario e poter così ritornare a casa. La donna oggi, a distanza di un anno e mezzo dalla nascita del suo bambino, chiede Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*