Trentenne racconta: la dieta Dukan mi ha distrutto COMMENTA  

Trentenne racconta: la dieta Dukan mi ha distrutto COMMENTA  

Una giovane biotecnologa milanese di trenta anni racconta ad “AdnKronos Salute” la sua esperienza con la Dieta Dukan, un regime dietetico lanciato dal nutrizionista francese Pierre Dukan, che sull’argomento ha scritto anche un libro, diventato un best seller in tutto il mondo. La ragazza spiega che, dopo cinque mesi di questa dieta super proteica e priva di olii e carboidrati, ha cominciato a sentirsi così stanca da non riuscire neppure ad alzarsi dal letto.


C.P. vuole condividere ciò che le è successo per aprire gli occhi a quelle persone che seguono una dieta senza capire se questa effettivamente fa bene o meno all’organismo. “Non capivo perché ero così stanca, eppure mangiavo e anche tanto, ma solo proteine e poco altro, come previsto dalla dieta. Finchè sono arrivata al quinto mese e non riuscivo più neppure ad alzarmi dal divano. Avevo perso 10/11 chili, oggi non solo ho recuperato quelli, ma ne ho presi altri cinque in più”.


La dieta Dukan va di moda, così la giovane decide di provarla per vedere se riesce a perdere qualche chiletto di troppo. “Almeno all’inizio è facile da seguire, mangiavo quanto volevo (solo alimenti proteici) e perdevo peso senza sentire la fame. Nel primo periodo facevo anche tanto sport, dallo yoga al nuoto, ma più passava il tempo, più mi mancavano le forze. Dopo cinque mesi comincia il periodo di mantenimento che dura per due mesi, durante il quale vengono reintrodotti i carboidrati. Non dimenticherò la prima pizza mangiata dopo cinque mesi di astinenza, sembravo una drogata! Dopo un viaggio in Asia, perdo il controllo della situazione: avevo una fame smodata e compulsiva di carboidrati di tutti i tipi. Comincio a riprendere peso, e in più appaiono problemi di altro tipo: non mi è più venuto il ciclo mestruale, al mio corpo mancavano gli olii necessari per produrre gli ormoni. Ora sono terrorizzata dall’idea di riprendere un’altra dieta”.


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*