Treviso,Carabiniere pestato da sinti COMMENTA  

Treviso,Carabiniere pestato da sinti COMMENTA  

Treviso,Carabiniere pestato da sinti
Treviso,Carabiniere pestato da sinti

Nella giornata di sabato, un carabiniere della provincia di Treviso, è stato picchiato dai Sinti, in quanto ha rincorso la loro auto durante un inseguimento.

Un carabiniere è stato preso a calci e pugni da tre rom della etnia degli Sinti per essersi imbattuto in un auto che era fuggita a un posto di blocco.


Il carabiniere, tornando a casa dal lavoro, si è comportato come il suo senso del dovere gli diceva e ha deciso di fermare l’auto. Il carabiniere non ha fatto i conti con i tre rom, di cui uno maggiorenne, che lo hanno accerchiato e malmenato. Solo grazie all’arrivo di un’altra pattuglia, i tre sono stati arrestati e il carabiniere ha potuto evitare guai che sarebbero stati peggiori.


Secondo quanto riporta il quotidiano Il Gazzettino, il carabiniere avrebbe bloccato l’auto ai tre che non prendendola bene hanno deciso di picchiarlo e colpirlo a calci e pugni.


I tre, grazie all’arrivo di una seconda pattuglia, sono stati arrestati.

Pitarra, il giovane carabiniere, si dice soddisfatto di ciò che ha fatto, orgoglioso della sua prontezza e afferma che essere carabiniere significa esserlo sempre, a prescindere dal fatto che si indossi o meno la divisa. E’ senso del dovere e del rispetto, come lui stesso lo definisce.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*