Trova un tesoro in bot nascosto in uno scrittoio ma non può incassarlo

Attualità

Trova un tesoro in bot nascosto in uno scrittoio ma non può incassarlo

Chi l’ha detto che i tesori si trovano solo nelle Isole dei pirati? Una donna ha trovato un vero tesoro in bot nascosto nello scrittoio di famiglia

Non si sarebbe mai aspettata di fare quella scoperta la signora Altamura Zagaria, che si è trovata d’un tratto tra le mani un vero tesoro. La donna, 47 anni e originaria di Andria, stava traslocando con il compagno quando ha deciso di tenere un vecchio scrittoio che, restaurato, sarebbe stato perfetto per la nuova casa. Una volta smontato il mobile per dare inizio all’opera di restauro, la donna si è accorta di una sorpresa sconvolgente. Nascosta nel legno dello scrittoio si trovava infatti una busta da lettere con all’interno un meraviglioso tesoro: proprio alcuni certificati di Credito del Tesoro.

Questi documenti avevano come data di emissione il 15 Luglio del 1985 emessi da Francesco Altamuro, il padre della donna, e fino ad oggi la signora Zagaria non sospettava nemmeno della loro esistenza.

Quando la donna ha analizzato questi documenti ha fatto la sconvolgente scoperta: quei Certificati avevano un valore di 260 milioni di vecchie lire. Oggi il valore di quei Bot è aumentato vertiginosamente e, dopo una serie di accertamenti, la signora Altamura ha scoperto di avere tra le mani ben 2 milioni e 340.000 euro. Purtroppo però i certificati scadevano nel 1990, dopo i quali la norma prevede ulteriori 10 anni per incassarli. Non è chiaro dunque se siano solo carta straccia o se la vita di questa donna cambierà per sempre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche