Trovano un pitone di 6 metri nell’auto COMMENTA  

Trovano un pitone di 6 metri nell’auto COMMENTA  

Una coppia di turisti trova un pitone di 6 metri nell’ automobile. Era arrotolato sotto al cofano, proprio sopra al motore. A tutti noi sarà capitato di trovare qualche insetto nella propria vettura, soprattutto durante il periodo estivo quando il caldo della stagione fa uscire anche tutti allo scoperto come api, zanzare e tanto altro. Ma un pitone nell’ automobile è davvero una cosa rara.

Leggi anche: Taxista investe volontariamente marocchino


Il fatto è accaduto in Sud Africa nel parco nazionale di Kruger dove una giovane coppia di turisti di nome Marlene e Leon si erano recati per un safari fotografico. Volevano immortalare la bellezza dei leoni del luogo. Ma quando sono tornati alla loro macchina, ad attenderli c’era una sorpresa: un pitone di 6 metri avvolto al motore.

Leggi anche: Romafrica Film Festival: al Via!


La coppia si è subito accorta della presenza del rettile perché lo hanno visto passare e poi sparire all’ improvviso sotto l’automobile. Dopo averlo scoperto, il grande animale si è allontanato spontaneamente.

Solitamente i grandi serpenti, come i pitoni, non sono velenosi, ma comunque pericolosi perché uccidono le loro prede stritolandole. Attaccano uccelli, capre e anche altri serpenti per alimentarsi.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*