Truffa ed alterazione di documenti d’identità: Due arresti COMMENTA  

Truffa ed alterazione di documenti d’identità: Due arresti COMMENTA  

Richiedevano prestiti presentando documenti falsi. Lorenzo Motisi, 49 anni, impiegato alla Protezione Civile e Pietro Mucè, 69 anni, pensionato sono stati arrestati dai carabinieri con l’accusa di truffa e alterazione di documenti d’identità. Le forze dell’ordine li hanno fermati mentre stavano per incassare un assegno da quasi ventimila euro in un’agenzia finanziaria, trovando a Motisi una valigia con copie di documenti di identità di diverse persone. Al funzionario pubblico è stata contestata anche la truffa aggravata ai danni dello Stato in quanto in quel momento dove essere sul posto di lavoro, da qui l’accusa di assenteismo. Ad entrambi sono stati dati i domiciliari.

Leggi anche: Boscotrecase, Napoli: assenteismo, uffici chiusi

Leggi anche

Bernardo Provenzano
Attualità

Lo stato confusionale di Provenzano. Quando il boss perse la lucidità

Provenzano: il boss di Cosa Nostra e lo stato confusionale causato dalla perdita di lucidità durante gli ultimi anni della sua vita Bernardo Prevenzano è decesso  oggi 13 luglio all'età di 83 anni. Il boss di Cosa Nostra è morto a causa del cancro alla vescia e alla prostata. Lo stato di salute di Provenzano si trovava gravemente danneggiato e infatti, nel 2001 scattarono l'allarmi per le condizioni di salute del boss. Provenzano soffriva spesso di perdita di lucidità e non sapeva perché ne come  fosse detenuto. Ogni tanto aveva anche episodi  di balbuzie. Furono le lettere scritte alla moglie a far capire alla Leggi tutto
About Giordano Schillaci 172 Articoli
Studente universitario. Appassionato d'informatica e di musica. Le mie attitudini sono: attendere, riflettere ed imparare.
Contact:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*