Truffato da un veneziano con la promessa di girare un film a luci rosse

Venezia

Truffato da un veneziano con la promessa di girare un film a luci rosse

Tutto è partito dall’annuncio su internet di un giovane trentenne che aveva offerto la propria disponibilità fisica per essere protagonista di un film a “luci rosse”. Dopo alcuni giorni dalla sua inserzione su internet c’è stata una telefonata fatta al veronese.
Un importante produttore di film porno gli chiedeva di farsi conoscere in previsione di un prossimo filmino hard. Gl’incontri con l’uomo sono stati vari ed ogni volta che fissavano un appuntamento, il fantomatico produttore gli chiedeva somme di denaro sempre più elevate per riuscire a far entrare il giovane nel mondo dello spettacolo. L’aspirante attore ha sborsato circa 5000 euro nella vana speranza che riuscisse a realizzare il suo sogno, ma il tempo passava ed il giovane s’è reso conto di essere stato semplicemente vittima di un raggiro.
Il fatto è stato forzatamente denunciato poiché il veronese è stato contattato dalla Questura veneziana in merito alla regolarizzazione di una donna cinese sprovvista di permesso di soggiorno, il trentenne è stato costretto a parlare della truffa da lui ricevuta poiché chi non aveva regolarizzato la donna, non era lui, ma il produttore del fantomatico film porno. In Questura è stato descritto l’autore della truffa: un uomo 50enne sulla sedia a rotelle.
Immagine tratta da google.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...