Trump e Clinton: rivalità in ambito militare e strategico COMMENTA  

Trump e Clinton: rivalità in ambito militare e strategico COMMENTA  

Trump e Clinton: rivalità in ambito militare e strategico
Trump e Clinton: rivalità in ambito militare e strategico

Nel corso di un dibattito davanti ai veterani tenuto mercoledì sera, il nuovo repubblicano Trump ha tenuto testa all’ esperta democratica, Hillary Clinton.

Il dibattito organizzato mercoledì dal canale NBC ha offerto un assaggio dei tre faccia a faccia che devono opporre Hillary Clinton e Donald Trump da ora fino all’8 novembre. I due candidati alla Casa Bianca si sono solo susseguiti  davanti ai veterani sulle guerre in Afghanistan e Iraq, senza attaccarsi  direttamente. Ma per la prima volta, è stato possibile valutarli nello stesso format e nelle stesse problematiche.

Il “Forum del Comandante” orchestrato dal giornalista Matt Lauer sulla USS Intrepid, portaerei trasformata in museo nel porto di New York, non ha chiarito molto al pubblico i piani concreti dei candidati in materia di sicurezza nazionale. Ma ha permesso di valutare, almeno in apparenza, il ruolo del capo dell’esercito, al quale spettano delle decisioni fatidiche. Hillary Clinton non partiva in teoria con il vantaggio dell’esperienza, e alla fine, Donald Trump le ha tenuto testa nella forma e nella sostanza. A tre settimane dal primo dibattito presidenziale, il 26 settembre, questa può essere una fonte di preoccupazione per i democratici.

Trump ha evitato tutte le insidie 

Sarebbe esagerato nominare un vincitore e un perdente. Ma, come spesso accade con Trump, il semplice fatto di aver evitato tutte le insidie facilmente, prende l’aspetto di un notevole successo. Costretta a difendere il suo record, da senatrice e in seguito segretaria di Stato, Hillary Clinton si è trovata molto spesso sulla difensiva. Tra le spiegazioni contorte sulla sua utilizzazione di una messaggeria privata al Dipartimento di Stato o sul suo voto in favore della guerra in Iraq, non le è rimasto nemmeno un po’ di tempo per presentare i suoi argomenti. Questi sono dovuti principalmente al suo carattere – la “costanza” e il “giudizio” necessari per occupare l’Ufficio Ovale – e alla la soluzione di usare la forza militare come “ultima risorsa”. Se la sua “priorità strategica” rimane quella di sconfiggere l’organizzazione Stato Islamico, “non manderemo più truppe di terra in Iraq o in Siria“, ha detto.

La sfida per Donald Trump era l’opposto: la totale mancanza di esperienza nei problemi di sicurezza nazionale o di diplomazia. Nessun problema: si prepara da molto tempo “e sarà” pronto al 100% fin dal primo giorno”. “Ho fatto così tanti affari in tutto il mondo e su di me ricade un eccellente giudizio“. Sulla sua strategia contro l’EI, gioca al gatto col topo, “Ho un piano.

L'articolo prosegue subito dopo

Ma quello dei generali potrebbe piacermi, o una combinazione di entrambi
”. Il mistero è parte della “imprevedibilità” necessaria alla guerra … E, naturalmente, si aspetta di avere “ottimi rapporti con Putin“, che potrebbe anche cambiare atteggiamento, una volta eletto Trump: “Non lo so, forse è possibile”. 

La maggior parte delle domande del pubblico e il dibattito si sono concentrati di più sulla sorte dei veterani che in materia di sicurezza e di questioni strategiche. Trump non ha nemmeno avuto la possibilità di parlare delle sue proposte, formulate in precedenza mercoledì in occasione di un discorso a Philadelphia, volto a “ricostruire” le forze armate statunitensi. Egli ha promesso di aumentare la forza dell’esercito a 540.000 uomini (contro 460.000 di oggi), i battaglioni del Corpo dei Marines a 36 (contro 24), la Navy a 350 navi di superficie e sottomarini (contro 287) e l’Air force a 1200 dispositivi (contro 1.170).

Nel complesso, il candidato repubblicano è apparso più rilassato rispetto alla sua rivale e impossibile da destabilizzare. Una lezione sulla quale dovrebbe meditare Hillary Clinton prima di affrontarlo direttamente. La sua squadra per la campagna elettorale è stata anche più efficace, bombardando i giornalisti con una raffica di comunicati rilasciati tutta la sera. E aveva avuto anche l’ultima parola. “Restituiremo all’America la sua  grandezza, e lei ci donerà la forza“.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*