Tunisia, uccisi 50 miliziani Isis: volevano proclamare il califfato

News

Tunisia, uccisi 50 miliziani Isis: volevano proclamare il califfato

Continua l’azione delle forze dell’ordine tunisine nei confronti dei gruppi terroristici filo jihadisti. L’ultimo intervento è stato portato a termine giovedì in serata, quando le truppe regolari hanno ucciso un altro dei componenti del gruppo che, nei giorni scorsi, ha tentato di prendere possesso della città di Ben Guerdane, nei pressi del confine con la Libia.

L’intento del commando, entrato in azione lo scorso lunedì, era quello di conquistare una porzione di territorio tunisino e dare vita a una estensione del califfato all’interno della Tunisia. Il tentativo, però, è fallito grazie all’intervento delle forze dell’ordine, che hanno respinto l’attacco, uccidendo diversi uomini facenti parte del gruppo. Con i fatti di giovedì sera, il numero dei miliziani uccisi è salito a cinquanta.

Almeno per il momento, sembra quindi scongiurato il pericolo che lo Stato Islamico possa estendere l’area sotto il proprio controllo includendo anche porzioni della Tunisia, oltre a quelle nella vicina Libia, dove la zona del golfo della Smirne rimane di fatto occupata dai miliziani dell’Isis.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche