Turchia: mandato d’arresto per i sostenitori di Gulan COMMENTA  

Turchia: mandato d’arresto per i sostenitori di Gulan COMMENTA  

Turchia: mandato d'arresto per i sostenitori di Gulan
Turchia: mandato d'arresto per i sostenitori di Gulan

In Turchia, la situazione è sempre più calda, il braccio destro di Gulan è stato arrestato e vi è un mandato d’arresto per i suoi sostenitori.

L’aiutante di Gulan, Halis Hanci è arrivato in Turchia due giorni prima del tentato colpo di stato, secondo il funzionario che lo ha descritto come il braccio destro di Gulan.

Leggi anche: Un libro da regalare a Natale: Galveston di Nic Pizzolatto


La Turchia arresta il nipote di Gulen, ritenuto, secondo il presidente turco, Erdogan, il responsabile del mancato colpo di stato in Turchia, un paio di giorni fa.

Leggi anche: Icardi minacciato in strada per rubargli l’orologio

In seguito all’arresto del nipote di Fethullah Gulan, per quanto riguarda il mancato colpo di stato in Turchia, è stato diramato un mandato di arresto di circa 42 giornalisti colpevoli di essere tra i sostenitori di Gulan e di avere arrestato più di 40 militari, almeno secondo quanto raccontano i giornali turchi.  Della lista dei 42 giornalisti che si dichiarano sostenitori di Gulan, vi è anche la giornalista Ilicak Nazli, di 72 anni, una critica del governo di Erdogan. Il totale delle persone che sono state arrestate ed epurate in seguito ai fatti del 15 luglio sono state 80. Nel frattempo, in Turchia, la situazione è alle stelle, in quanto le università, gli ospedali hanno chiuso in quanto colpevoli di essere filo-Gulan.


 

Leggi anche

alecsandra-puflea-2
News

Ragazza cacciata dall’hotel perché scambiata per una prostituta

Episodio di razzismo denunciato a Ferensway, nel Regno Unito. Una ragazza rumena, Alecsandra Puflea, 22 anni, studentessa di Criminologia all'Università di Hull, si è vista rifiutare la camera di un hotel, l’Holiday Inn Express, che aveva prenotato online, perché scambiata per una prostituta. Era insieme al suo fidanzato. Dopo aver visto la sua carta d'identità, l'addetto alla reception l'ha mandata via, dicendo che l’albergo non accettava clienti rumeni - neanche il fatto chela studentessa abbia mostrato la sua patente britannica, è servito - . Poi la struttura si è scusata, dicendo di aver stabilito “quella” regola perché alcune ragazze provenienti dalla Romania erano state scoperte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*