Turchia, sospesa Convenzione Ue sui diritti umani COMMENTA  

Turchia, sospesa Convenzione Ue sui diritti umani COMMENTA  

turchia diritti umani

Dopo lo stato di emergenza, la Turchia ha dichiarato sospesa la Convenzione Ue sui diritti umani. La reazione dura di Ankara al tentativo di colpo di stato.

A una settimana dal tentativo di colpo di stato, la Turchia ha dichiarato di voler sospendere la Convenzione Ue sui diritti umani. “Come ha fatto la Francia” ha ricordato il vicepremier Numan Kurtulmus nel dare l’annuncio ufficiale della decisione del governo di Ankara. Il chiaro tentativo di equiparare Ankara e Parigi non ha provocato reazioni da parte della Francia – almeno per ora – ma di certo la chiara presa di posizione della Turchia desta allarme.


Le foto degli arrestati detenuti seminudi e sdraiati su pavimento, gli oltre 9 mila arresti, la vasta operazione di pulizia dei vertici dell’organizzazione dello Stato non sono stati in alcun modo celati dalle autorità turche. “Rivedremo la struttura organizzativa dell’intelligence e le relazioni fra potere civile e potere militare” è stata anzi la promessa di Numan Kurtulmus alla Cnn Turk in accompagnamento all’annuncio di sospensione dell’accordo per il rispetto dei diritti umani. L’obiettivo è quello di “revocare lo stato di emergenza già fra 40-45 giorni (lo stato di emergenza è stato dichiarato per 3 mesi, ndr)” perciò l’idea è quella di avere il minor numero possibile di impedimenti.


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*