Turismo, a Genova scatta la tassa di soggiorno

Genova

Turismo, a Genova scatta la tassa di soggiorno

Dal prossimo 1 marzo 2012 scatterà anche a Genova la tassa di soggiorno, già partita in altri comuni italiani come ad esempio a Venezia, che impone a chiunque alloggerà nelle località del comune un pagamento giornaliero maggioritario in più al costo dell’alloggio.
L’accordo è già stato raggiunto a palazzo Tursi, in un incontro fra gli assessori al Commercio, Gianni Vassallo, al Bilancio, Francesco Micieli, Confcommercio e gli albergatori.

La tassa, investita dall’amministrazione su iniziative che incentivino il turismo nel capoluogo, non avrà valore universale in quanto sarà stabilita in base alla categoria dell’albergo e il turista dovrà pagare per otto giornate trascorse a Genova.
Nonostante il benestare degli assessori, della Confcommercio e gli albergatori, questa nuova soluzione non è stata raccolta in maniera positiva da Angelo Berlangieri, assessore regionale al Turismo, che a Radio 19 ha confessato: “Se Alassio, per dire, adottasse la tassa e Diano Marina no, si creerebbe subito la concorrenza.

Secondo me non è concepibile una tassa sul turismo, come non lo sarebbe una tassa sull’industria o sul commercio”, ha concluso Berlangeri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Salone Nautico
Genova

Nautico: Ice swimming, la novità dal mare nelle sfide estreme

22 settembre 2017 di Giada Talamo

Al Salone Nautico tante innovazioni di imbarcazioni ma anche le presentazioni di nuovi sport che stanno prendendo piede con la presenza di atleti come Paolo Chiarino che spiega la sua grande passione per questo straordinario sport acquatico. Una sfida con il mare. Col controllo mentale si può fare tutto.