Turista regala scarpe a ragazzino: il gesto disinteressato

Curiosità

Turista regala scarpe a ragazzino: il gesto disinteressato

Un turista americano dall'animo gentile ha deciso di migliorare con un piccolo gesto le condizioni di vita di un bambino filippino.

Kriss Carroll era un turista americano in visita nelle Filippine. Si tratta di uno dei Paesi più poveri al mondo, per questo i visitatori spesso possono essere testimoni delle tragiche condizioni dei nativi.

L’animo sensibile di Kriss si è imbattuto, in particolare, su un bambino. Un giovane, che di 11-12 anni, pre-adolescente. Ciò che ha colpito di più il turista è stata la condizione dei suoi piedi, molto sporchi e trasandati. Bastava osservarlo per capire che le condizioni in cui viveva non erano igieniche, inoltre era affamato e disidratato.

Non aveva sicuramente i soldi per comprarsi dei vestiti. Quelli che indossavano erano probabilmente gli unici che possedeva e che era costretto a riutilizzare ogni giorno. Per questo motivo Kriss ha deciso di fargli un regalo: un nuovo paio di scarpe.

Il bambino di scarpe non ne aveva mai avute: i suoi piedi erano macchiati di fango quanto i vestiti che aveva indosso.

La sensibilità di Kriss lo portò a immaginarsi quanto dovesse essere difficile camminare ogni giorno all’aperto senza neanche un paio di calze.

Il ragazzino di fronte alla proposta di Kriss era inizialmente incredulo e un po’ diffidente. Non era mai capitato, e mai si immaginava che sarebbe successo, di ricevere un atto di carità così nobile da parte di uno sconosciuto. Credeva che i turisti che passavano di lì appartenessero a un mondo diverso, di cui lui non avrebbe mai fatto parte. Un mondo pieno di egoismo e disinteresse nei confronti degli sconosciuti.

17457579_1011923585604849_7004610470944106000_n

Un turista regala un paio di scarpe a un bambino filippino

Il regalo di Kriss però lo fece ricredere. Decise di fidarsi di lui e di farsi accompagnare all’interno di un negozio per scegliere il paio di scarpe più adatto. Era molto emozionato.

Anche il commesso, informato subito riguardo alla particolare circostanza, rimase colpito. Essendo originario del luogo sapeva che cosa significasse per quel bambino trovarsi finalmente lì e comprare un paio di scarpe.

Gesti che per noi sono scontati, anzi, inutili, perché di scarpe ne abbiamo troppe dentro l’armadio. Per questo motivo il commesso ha subito chiesto al suo collega di scattare delle foto per documentare l’accaduto.

Come prima cosa al piccolo bambino è stato misurato il piede, così che le scarpe potessero essere su misura. Non avendole mai portate, non sapeva neanche cosa significasse avere “un numero di piede”.

17425942_1011923472271527_903151919174270119_n

Dopo aver trovato le tennis più adatte, Kriss ha pagato il conto e i tre si sono concessi una foto di gruppo.

17426385_1011923678938173_783564068921644545_n

Questo gesto ha portato un grande sorriso sul volto del ragazzino, che da quel giorno in poi ha potuto camminare con maggiore comodità anche all’esterno. Un piccolo pensiero che ha migliorato le sue giornate e le ha rese “più semplici” da affrontare.

Tutti i turisti dovrebbero prendere esempio da Kriss. Essere consapevoli di quello che hanno in più degli altri e contribuire in modo disinteressato alla felicità dei più sfortunati. Viaggiare non significa solo osservare realtà diverse dalla propria, ma anche cercare di conoscerle a fondo, farne parte, condividere delle esperienze.

Piacevoli o sfortunate che siano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche