Tutor sulla Salerno-Reggio Calabria COMMENTA  

Tutor sulla Salerno-Reggio Calabria COMMENTA  

Ormai l’Autostrada A3, la Salerno-Reggio Calabria, è presa di mira da tutti. Comici ci hanno fondato degli interi scatch scenici, barzellette e battute scherzose. Non è uno scherzo invece, purtroppo, quanto dichiarato da Pietro Ciucci, presidente dell’Anas, il quale pare aver dichiarato che “la Salerno-Reggio Calabria è diventata un’autostrada talmente bella e piacevole per la guida che richiede la necessità di intervento con strumenti sanzionatori di controllo”. Per questo, possibilmente entro l’estate 2014 (guardacaso proprio prima delle ferie estive in cui milioni di italiani si spostano), la A3, sarà dotata molto probabilmente di tutor. Ma non sarebbe stato meglio destinare prima questa cifra (perchè il sistema tutor è piuttosto costoso) ai lavori di riammodernamento di tale via autostradale, integrando con il denaro che lo Stato Italiano ha già elargito?. Non sarebbe stato meglio prima cercare di eliminare qualche cantiere che punteggia tale autostrada, ultimando lavori che si protraggono da diverso tempo?

Vedremo se la data prevista per l’installazione dei tutor sarà rispettata, al contrario di quella prevista per il termine dei lavori stradali.

Leggi anche: Luigi Meduri, un ex sottosegretario di Stato


Leggi anche

video-shock-motociclista
Moto

Cade da un burrone: il video shock del motociclista che pensa di morire

Due motociclisti sono precipitati giù da un burrone. Il più grande dei due è riuscito a registrare dei messaggi di addio per la sua famiglia mentre era inerme a terra, accanto all'amico morto Credeva che la fine fosse arrivata anche per lui, il motociclista Kevin Diepenbrock, che è finito in un burrone insieme all'amico Philip Polito. I due stavano facendo un giro in moto, attraversando il confine tra Tennessee e North Carolina, quando una brusca frenata ha fatto si che i due scivolassero in un burrone. Philip, 29 anni, non ce l'ha fatta ed è morto sul colpo mentre Kevin Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*