Uccide la ex e la chiude nel bagagliaio: fermato avvocato di Verona COMMENTA  

Uccide la ex e la chiude nel bagagliaio: fermato avvocato di Verona COMMENTA  

Un ennesimo episodio di stalking sfociato in femminicidio. Stavolta la vittima della furia omicida di un uomo che non si rassegnava a perderla è Lucia Bellucci, estetista marchigiana di 31 anni. La giovane donna aveva avuto una relazione con quello che poi è diventato il suo carnefice, un avvocato abbastanza noto di Verona, il 44enne Vittorio Ciccolini. I due sono stati avvistati insieme l’ultima volta il 9 Agosto scorso, a cena presso il ristorante “Mezzo soldo” in Val Rendena, a pochi chilometri da Madonna di Campiglio. Dopo di che si sono perse tracce della donna.

Leggi anche: Giovane muore di emorragia: l’ultimo saluto del suo amico fido Mollie


L’avvocato veronese è stato fermato dai Carabinieri mentre faceva jogging: nel bagagliaio della sua auto, una Bmw serie 1, Cabrio, di colore grigio, gli agenti hanno ritrovato il corpo senza vita dell’ex fidanzata.

Leggi anche: Trasporta un amico nel portabagagli: sequestrata la patente

Gli inquirenti hanno scoperto alcuni biglietti che l’avvocato ha lasciato nel suo studio nei quali chiede perdono per il gesto commesso. La Bellucci aveva già denunciato l’uomo per stalking, ora le indagini chiariranno meglio la triste vicenda.

Leggi anche

Giovane muore di emorragia: l'ultimo saluto del suo amico fido Mollie
Esteri

Giovane muore di emorragia: l’ultimo saluto del suo amico fido Mollie

Un video che è diventato subito virale: Ryan Jessen, 33 anni ha un forte mal di testa ma in ospedale scopre di avere una emorragia cerebrale. Il video del suo cane, che lo sostiene e gli porge l'ultimo saluto   E' proprio vero che il cane è il migliore amico dell'uomo. E questa è una delle migliaia di dimostrazioni. Così, Ryan Jessen, un giovane di 33 anni, ha scoperto di essere sul finir della vita dopo essere stato in ospedale a causa di una terribile emicrania. Ma gli accertamenti alcuni accertamenti hanno rivelato che di emicrania non si trattava: Ryan Jessen aveva infatti Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*