Ucraina: ammazzati in fosse comuni i randagi

Ambiente

Ucraina: ammazzati in fosse comuni i randagi

Ieri intorno alle 15.00 a Firenze Alessio Nanni ed il “Partito EcoAnimalista” hanno lanciato dinanzi al Consolato dell’Ucraina un presidio contro l’uccisione di tutti i gatti randagi. Il comunicato stampa recita in questo modo: “Da qualche tempo nonostante le promesse dell’Ucraina l’uccisione di tutti i gatti randagi e cani continua”. E questo avviene secondo i promotori dell’iniziativa per ripulire la città anche in vista del Campionato europeo. Essi inoltre sostengono che “gli animali sono bruciati vivi in forni crematori mobili, schiacciati in compattatori di rifiuti, sepolti vivi in fosse comuni e picchiati a morte. Secondo il “Partito EcoAnimalista” per fermare tutto ciò bisogna scendere in piazza e boicottare i campionati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche