Ultime olimpiadi, poi eutanasia. La dichiarazione shock di Marieke Vervoort

Sport

Ultime olimpiadi, poi eutanasia. La dichiarazione shock di Marieke Vervoort

Parole che fanno raggelare il sangue. Sono quelle pronunciate da Marieke Vervoort, atleta 37enne costretta sulla sedia a rotelle dal 2000 a causa di una malattia muscolare cronica. Oggi, durante la presentazione della delegazione belga, della quale fa parte, la Vervoort ha spiegato che i prossimi Giochi Paralimpici, in programma a Rio de Janeiro dal 7 al 18 settembre, saranno per lei gli ultimi. Aggiungendo poi di aver intenzione, a giochi conclusi, di pensare alla sua eutanasia. “Sono felice, anche se non è facile. Ci sono giorni buoni e cattivi. Certe notti dormo solo dieci minuti”, ha spiegato ai giornalisti.

“Non ho mai pensato che sarei arrivata a Rio. E’ il mio ultimo desiderio, poi, eventualmente, potrò chiudere in bellezza”. La Vervoort non ha mai mollato, nonostante la terribile malattia, riuscendo a rimanere in gioco. Fino a pochi giorni fa non era neanche certo che l’atleta potesse partecipare ai Giochi. Oggi è arrivata la conferma, seppur accompagnata da parole drammatiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...