Umberto Tozzi: esce il singolo ‘Sei tu l’immenso amore mio’ COMMENTA  

Umberto Tozzi: esce il singolo ‘Sei tu l’immenso amore mio’ COMMENTA  

All’età di 63 anni, torna a mettersi in gioco Umberto Tozzi, il grande interprete italiano di brani senza tempo come ‘Gloria‘, ‘Tu‘ e ‘Ti amo‘, con il suo nuovo singolo intitolato ‘Sei tu l’immenso amore mio’.

L’artista, che nella propria carriera, ha venduto oltre 80 milioni di dischi in tutto il mondo, ha raccontato la sua ultima opera discografica in un post su Facebook, nel quale ha raccontato come è nata l’idea: ‘L’ultimo pezzo – ha raccontato Tozzi – si è ispirato ad una storia vera. Cercavo di raccontare una storia, ma non sapevo ancora quale, così ho provato un giro armonico strumentale e ho trovato la giusta melodia, l’ho provato e riprovato e a un tratto, ho ripensato alla storia di un amore passato e di quanto siano incancellabili, per noi, i momenti vissuti con la persona che si è amata veramente.

Un perfetto incontro tra parole e musica‘.

Il nuovo brano di Umberto Tozzi, farà parte di una raccolta di inediti di prossima uscita, dal titolo ‘Ma che spettacolo‘, che arriverà nei negozi di dischi a fine ottobre, con 13 brani nuovi e un dvd live, che racconterà le emozioni dei concerti del celebre artista.

Nel dvd saranno contenuti i momenti più esaltanti del tour iniziato nel febbraio del 2014, dopo che l’artista era stato assente dalle scene per 5 anni.

Verranno riproposti i momenti più intensi delle esibizioni in città come Milano, Torino, Bologna, Roma e al Teatro Ariston di Sanremo.

Da alcuni mesi circola sul web anche una versione del brano ‘Gloria’ in lingua russa, che Tozzi ha cantato insieme ad Alan, acclamata popstar russa.

Gloria è stato un pezzo che ha reso celebre la musica italiana nel mondo con oltre 520 mila dischi venduti a cavallo tra gli anni ’70 e ’80.

L'articolo prosegue subito dopo

Fu riproposta anche in lingua americana dalla celebre artista statunitense Laura Branigam, che raggiunse il vertice delle hit parade di tutto il mondo.   

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*