Un 2011 negativo per le aziende editoriali italiane

Aziende

Un 2011 negativo per le aziende editoriali italiane

giornalismo

Non è una novità che il settore editoriale italiano è sempre più in declino. Ma i dati confermati dalla Fieg sulla stampa italiana mettono in allarme: nel 2011 i ricavi sono calati del 2,2 % a causa della flessione negativa degli introiti pubblicitari (-5,7%). Spaventa il successo della stampa web: tra il 2009 e il 2011 il numero degli utenti in media al giorno è aumentato da 10,4 a 13,1, l’incremento è del 26%. In dettaglio, il numero di utenti dei quotidiani web in un giorno medio è in costante crescita: si tratta di un aumento da 4 a 6 milioni quest’anno, e in previsione nel 2012 l’utenza supererà il 50%. La recessione influisce negativamente sulla carta stampata; le famiglie con redditi minimi tagliano sui consumi dei quotidiani, mentre il bacino dei lettori on-line è in continua espansione. L’occupazione giornalistica è frenata dalla crisi: i poligrafici sono diminuiti dal 8,2% a 3,7% e i giornalisti dei quotidiani sono diminuiti del 7,2%.

Stefania Ditta

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

curriculum
Lavoro

Come creare un Curriculum vitae?

25 maggio 2017 di Notizie

Entrare nel mondo del lavoro comporta una serie di candidature tramite invio del Curriculum vitae. Proponiamo una breve guida con gli elementi importanti da inserire e consigli su come renderlo più appetibile fra le centinaia di candidature che chi offre un lavoro deve valutare.

Loading...