Un itinerario di 48 ore per Lisbona COMMENTA  

Un itinerario di 48 ore per Lisbona COMMENTA  

Lisbona è una città baciata da sole, con una diffusa reputazione grazie ai bassissimi prezzi ed è anche abbastanza piccola da permettere ad un viaggiatore determinato di visitarla in 48 ore, anche se ciò potrebbe facilmente entrare in conflitto con i modi rilassati della popolazione e con l’atmosfera sonnolenta di quello che un tempo era il centro del più grande impero marittimo mondiale. Tuttavia sono proprio queste le qualità che rafforzano il carattere di questa città che è allo stesso tempo energica e profondamente radicata alle tradizioni, qualità che fanno di Lisbona una meta perfetta per un fine settimana.


Sabato

Dopo la colazione, andate fino alla stazione metro Chiado e da lì prendete il tram 28. I tram gialli di Lisbona sono i protagonisti delle guide turistiche e di molti film importanti, quindi non perdete l’occasione di salire su uno di questi e di godere di una magnifica vista evitando di camminare sulle ripide colline. Scendete dalle parti del Castello di San Giorgio (se siete confusi, chiedete al conducente del tram “Castelo?”) e iniziate il vostro tour a piedi.


Iniziate la visita al Castello di San Giorgio e godete della sua veduta sui tetti rossi di Lisbona, quindi passate ad esplorare i vicoli stretti del vecchio quartiere arabo, Alfama, prima di ritornare verso il centro della città. Lungo la strada, assicuratevi di visitare la Se, antica cattedrale di Lisbona, nonché uno dei pochi edifici medievali rimasti in città (gli altri sono stati distrutti dal terremoto del 1775).

Dopo una mattinata di visite al Castelo e ad Alfama, sostate per un pranzo alla Estrela da Se, un piccolo ristorante a meno di un isolato dall’omonima cattedrale. Questo posto è una piccola fetta perfettamente conservata della Lisbona degli anni 20 e, anche se un po’ angusto, il ristorante è carico di una magnifica atmosfera. Provate il bacalhau a bras, uno dei piatti più famosi del Portogallo, anche se la porzione è abbastanza grande per due persone.


Continuate la vostra passeggiata in discesa per vedere le piazze di Baixa e i quartieri di Rossio. Iniziate con Praça do Comèrcio, lungo il fiume, per poi passare alle aree pedonali commerciali di Baixa fino all’ Elevador de Santa Justa, un eccentrico ascensore di 10 piani che ricorda un po’ la torre ascensore della Tour Eiffel. Poi proseguite verso Praça da Figuerira e Rossio.

L'articolo prosegue subito dopo


Se siete arrivati qui prima delle 4 del pomeriggio, potreste visitare il Convento do Carmo oppure la mostra alla stazione ferroviaria di Rossio, che sono entrambi nelle vicinanze, o semplicemente fermarvi a guardare i passanti. Dopo qualche ora passata a gironzolare, cambiate rotta verso l’angolo nord-est di Rossio e Largo Sao Domingos, dove molti degli immigrati dalle colonie africane del Portogallo amano riunirsi per uno o due shot di ginga, un liquore dolce alla ciliegia. Sentitevi liberi di partecipare.

Dopo aver bevuto qualche shot e osservato i passanti, fermatevi a Rossio e incamminatevi verso nord lungo l’Avenida da Liberdade, arteria principale del centro di Lisbona. Verso la metà della strada, girate a sinistra in Praça de Alegria e andate verso l’Enoteca, un wine bar in marmo situato in una stazione di pompaggio dell’acqua del XVIII secolo. Questo è uno dei posti migliori e sicuramente il luogo più suggestivo di Lisbona in cui degustare gli ottimi vini portoghesi, così come per ottenere un leggero boccone da mangiare.

Dopo la cena, tornate indietro verso Restauradores e l’ Elevador da Gloria, una funicolare di Barrio Alto. Da lì, godetevi la vista sui caffè, bar e club del più vivace quartiere del centro di Lisbona.

Domenica

Camminate verso il fiume e la stazione ferroviaria Cais do Sodre. Da qui prendete il tram 15 in modo da godere maggiormente della vista sul fiume nel viaggio verso Belem, dove potrete trovare il maggior esempio al mondo di architettura manuelina nel Monastero di Jeronimos. All’interno del complesso vi sono anche un museo marittimo e un museo archeologico, per cui dopo la visita si avrà probabilmente bisogno di uno spuntino. Camminate a piedi per due isolati a est dell’ Antiga Confeitaira de Belem, che serve le sue famose torte ripiene di crema dal 1837.

Dopo il Monastero e le torte, camminate fino alla Torre di Belem e godete di questa meravigliosa vista che assomiglia ad un’immagine da cartolina. La torre è circondata da un parco erboso, ideale per riposarsi in quanto da lì si può facilmente godere di quella architettura quasi fiabesca.

Ammirata la torre, andate verso la stazione di Belem e salite sul treno per Cascais per trascorrere un pomeriggio in spiaggia. A pochi minuti dalla stazione c’è l’inizio di una promenade, che è costeggiata da caffè e gode dell’accesso ad una successione di spiagge urbane fino a Estoril. Continuate a camminare finché non trovate una zona che vi soddisfi e godetevi la vostra domenica pomeriggio in riva al mare.

Quando si avvicina l’ora di cena, camminate fino a Estoril e quasi alla fine del lungomare fino ad arrivare da Opiparo, un delizioso ristorante con un arredamento moderno in stile europeo. Qui si può gustare un pasto piacevole a prezzi ragionevoli, come pesce fresco o alla griglia oppure coniglio in umido, mentre si ascolta il rumore delle onde che si infrangono sugli scogli.

Una volta completata la cena, si può tornare a piedi lungo la promenade fino alla spiaggia di Tamariz, dove c’è un ingresso per la stazione di Estoril, e prendere il treno per il centro città per tornare al vostro albergo.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*