“Un libro al volo” in aeroporto COMMENTA  

“Un libro al volo” in aeroporto COMMENTA  

Da venerdì scorso presso l’aeroporto Karol Wojtyla di Bari è partita l’iniziativa “Un libro al volo” per promuovere la lettura tra i cittadini: per i passeggeri in attesa del volo aereo, infatti, sarà disponibile una serie di libri per potranno prendere in prestito e riconsegnarlo in aeroporto al loro ritorno. Tutto gratuitamente e senza scadenze di consegna. L’unica prerogativa è il senso civico dei passeggeri-lettori a cui è richiesta l’accortezza  di rispettare il prestito.


“Un libro al volo” è stata presentata nel libro-caffetteria Bernardi dello scalo barese alla presenza del celebre scrittore, magistrato e politico Gianrico Carofiglio che, oltre a rendere disponibili i suoi libri anche tradotti in lingua  per i turisti stranieri, in occasione dell’inaugurazione alla presenza di un pubblico numeroso, ha venduto per un’asta benefica alcuni suoi romanzi e devolvere il ricavato a  Save the Children.


Anche l’amministratore degli Aeroporti di Puglia, Domenico Di Paola, promotore dell’iniziativa, ha donato parte della sua biblioteca personale tra saggi, romanzi, guide di viaggi e fumetti.


I libri saranno disponibili per i viaggiatori in due posti: la caffetteria al secondo piano e il bar degli arrivi. Nella gestione di “Un libro al volo” non è previsto alcun registro o catalogo.

L'articolo prosegue subito dopo

I lettori consegneranno il volume preso in prestito una  volta arrivati in aeroporto di ritorno dal loro viaggio o il più presto possibile. Un bel modo di sensibilizzare la cittadinanza al mondo della lettura e al rispetto del bene comune e della gratuità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*