Un piatto da chef : Dolce cuore di San valentino - Notizie.it

Un piatto da chef : Dolce cuore di San valentino

Cucina

Un piatto da chef : Dolce cuore di San valentino

Ingredienti : Per il biscuit : 3 uova, 75gr. zucchero, 20gr. mandorle, 55gr fecola di patate, 1dl di alkermes – Per la farcitura : 100gr mirtilli rossi essicati (cranberry), succo di limone essenza di mandorla, Per rifinire : zucchero a velo vanigliato, panna fresca

Preparazione. Prepariamo il biscuit. Sgusciate le uova in una ciotola, unite lo zucchero e montate i ingredienti con un paio di fruste elettriche fino a quando ottenete un composto gonfio e spumoso. Aggiungete la farina di mandorle, la fecola di patate, l’alchermes e continuate a sbattere finchè avrete amalgamato bene tutti gli ingredienti. Stendete il composto in una teglia foderata con carta da forno aiutandovi con una spatola in modo da ottenere un rettangolo dello spessore d circa 1 cm e cuocete in forno preriscaldato a 210° per 7 minuti. POi togliete dal forno e lasciate raffreddare. Prepariamo la farcitura. Fate rinvenire i mirtilli in una ciotola d’acqua tiepida, sgocciolateli, strizzateli delicatamente e raccoglieteli in un pentolino.

Aggiungete lo zucchero, qualche goccia di succo di limone e di essenza di mandorla e cuocete a fuoco basso per circa 5 minuti. Ritagliate 6 formine dal biscuit con un tagliapasta a forma di cuore di circa 8cm. Sistemate il primo cuore su un piano di lavoro, distribuetevi sopra 1/4 del composto di mirtilli e completate con un altro cuore. Preparate allo stesso modo un altro cuore farcito, trasferite entrambi su un piatto di portata o su 2 piattini individuali da dolce, rifinite con zucchero a velo e servite con panna montata a piacere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

sea-cucumber-2064541_960_720
Cucina

Come preparare i cetrioli di mare

17 ottobre 2017 di Notizie

I cetrioli di mare sono una classe degli Echinodermi. Sono diffusi sui fondali marini di tutto il mondo e sono caratterizzati da un corpo cilindrico allungato. Il loro nome deriva dalla somiglianza morfologica all’ortaggio. Questi abitanti del fondo oceanico sono prelibatezze in alcune cucine etniche. Come cucinarli e quali sono rischi di un eccessivo consumo.