Un rapido avvio alla febbre da fieno: l’aumento del polline dovuto ad inverni più miti

Wellness

Un rapido avvio alla febbre da fieno: l’aumento del polline dovuto ad inverni più miti

E’ la notizia che chi soffre di allergie sono state temeva – la febbre da fieno stagione sta per iniziare tre settimane prima del normale.
Betulle, che scatenano le allergie in un quarto dei malati, sono già in fiore in alcune parti del paese.
E nei prossimi giorni si inizierà a notare maggior polline.
In decenni passati, le betulle hanno cominciao a fiorire intorno alla terza settimana di aprile. In questi giorni, come globale aumento delle temperature, l’impollinazione nell’ultima settimana di marzo è rara.

‘Questo è particolarmente evidente negli ultimi dieci anni, e sembra essere il risultato di cambiamenti climatici. Le persone stanno diventando anche più allergiche al polline dell’albero.
‘La maggior parte sono allergici al polline delle graminacee, ma coloro che sono allergici al polline di alberi sentono gli effetti molto prima.’

Più di uno su cinque della popolazione – 15 milioni – ha la febbre da fieno.
La proporzione è più elevata tra i bambini e gli adolescenti – fino al 40 per cento dei quali è allergico.
Ma le betulle rappresentano la maggior parte delle allergie.

Il Professore Jean Emberlin, dell’Unità Nazionale delle Ricerche sul polline, ha detto: ‘La fioritura del polline avviene nella terza settimana di aprile, l’inizio tipico è oggi l’ultima settimana di marzo.

‘Quest’anno, la stagione sta iniziando un po’ più tardi rispetto allo scorso anno, a causa dell’inverno più freddo.

Ma la tendenza alla fioritura prematura la stiamo assistendo in tutta Europa. ‘
Lindsey McManus, dell’Allergy UK, ha aggiunto: ‘Stiamo vedendo che la stagione si allunga a causa delle estati più miti.

Il Regno Unito ha uno dei più alti tassi di febbre da fieno in tutto il mondo, in gran parte a causa di un elevato impiego di antibiotici durante l’infanzia e le norme di igiene.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche