Un tablet indiano ad energia solare

Tecnologia

Un tablet indiano ad energia solare

Tablet

Dopo l’arrivo sul mercato dell’ipad, il nuovo prodotto targato Apple, che già ha cominciato a catturare l’interesse degli appassionati, anche le aziende concorrenti hanno iniziato a progettare dei dispositivi che possano entrare in concorrenza con il nuovo gioiello di Steve Jobs e che possa fornire servizi simili a un prezzo più basso.

L’ultimo apparecchio che è stato realizzato arriva dall’India e si tratta di un computer che  presenta uno schermo touchscreen da 35 dollari e che proprio per questo sembra destinato soprattutto a un pubblico giovanile e agli studenti che vogliono avere un aiuto per il proprio studio. Questo strumento nasce proprio con l’intenzione di fare da supporto per la crescita culturale dei giovani indiani in un Paese che rappresenta la terza potenza economica asiatica e destinato a svilupparsi sempre di più con i mercati provenienti dall’Europa.

Al momento il prodotto è stato solo presentato al pubblico, ma a partire dal prossimo anno dovrebbe essere prodotto in grandi quantità contando sull’economicità che lo rende più appetibile rispetto all’ipad.Il sistema operativo di cui è dotato è Linux e non presenta al suo interno un hard disk, ma semplicemente una scheda di memoria del tutto simile a quella esterna che viene inserita all’interno dei moderni telefoni cellulari. Sono diverse le funzioni che possono essere realizzate con questo nuovo c omputer portatile come la scrittura di testi, la navigazione internet e le videoconferenze, ma la novità principale sta nel poterlo utilizzare anche ad energia solare in modo tale da non avere disguidi se dovesse saltare l’energia elettrica.

Nel caso in cui dovesse venire scelta l’opzione aggiuntiva il prezzo è però destinato a salire e quindi per cercare di favorire meglio la diffusione di questo strumento si spera anche in un aiuto da parte del governo per poter sostenere  famiglie e giovani che si potranno dimostrare interessati.

Immagine tratta dal sito www.timestars.org

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...