Una casa con tutti i comfort costruita con solo 180 euro COMMENTA  

Una casa con tutti i comfort costruita con solo 180 euro COMMENTA  

Assomiglia ad una casa per Hobbit l’abitazione che costa solo 180 euro.

Il professore inglese Micheal Buck, 59 anni, ha realizzato questa casa di proprio pugno utilizzando solo materiali naturali, una miscea di sabbia, argilla, paglia, acqua e terra in soli 8 mesi di duro lavoro.

Il resto dei materiali quali travi in legno e finestre sono il frutto del riciclo di materiali in disuso e la casa è anche autosufficiente dal punto di vista energetico essendo l’impianto elettrico alimentato dall’acqua del torrente.

Dentro però questa casa non ha nulla da invidiare ad un casa normale.

La Cob House, immersa nel verde della campagna di Oxford, è quindi una nuova frontiera dell’ecologia fai da te che non rinuncia alle comodità della società moderna.

Nel Regno Unito esistono già migliaia di case realizzate con il cob (miscela di sabbia, argilla, paglia, acqua e terra): alcune sono molto sofisticate, alta fino a tre piani.

Il professore con questa impresa ha voluto dimostrare la sua tesi:

“Ho voluto dimostrare che le case non devono costare nulla.

Leggi anche: ZTL Palermo: pass, permessi, targhe alterne, strade interessate

Viviamo in una società in cui passiamo le nostre vite a pagare i nostri mutui, che molti neppure riescono a godere una volta estinti.”

1 / 7
1 / 7
  • natural homes
  • Vancouver_cobhouse
  • images
  • earthedworld
  • Home_at_Hollyhock
  • gob-new
  • Cob01

Leggi anche

supvenezia
News

Venezia: surf dal Ponte degli Scalzi per un giapponese. Rischia denuncia

Uno “stravagante personaggio” è stato visto dalla folla tuffarsi dal Ponte degli Scalzi a Venezia domenica 4 dicembre: un giapponese in muta da sub "armato" di pagaia e di una tavola da surf per fare Sup - acronimo dello sport Stand Up Paddle - proprio nel Canal Grande. Il turista ha anche deciso di farsi filmare dagli amici mentre compiva la sua “audace impresa”. L’uomo ora rischia una multa e una denuncia con l’accusa di “attentato alla navigazione” di placide gondole e vaporetti tipici veneziani. Per quanto bizzarro, il gesto del viaggiatore non è insolito in città negli ultimi tempi: pochi giorni fa, dopo qualche mese di coma, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*