Andrea Bocelli cieco: dalla nascita o per una pallonata?

Una pallonata e poi il buio. Bocelli racconta la sua cecità

Cinema

Una pallonata e poi il buio. Bocelli racconta la sua cecità

Andrea Bocelli
Andrea Bocelli

È uscito in questi giorni nelle sale La musica del silenzio, il film di Michael Radford liberamente ispirato alla vita del tenore Andrea Bocelli. Scopriamo insieme la carriera e il rapporto con la cecità del celebre artista toscano.

Andrea Bocelli è una delle voci italiane più amate nel mondo. Nato il 22 settembre 1958 a Lajatico (Pisa), a 6 anni è già alle prese con il difficile studio del pianoforte, reso ancora più complicato dai suoi problemi di vista. Fin dalla nascita Bocelli è cieco dall’occhio sinistro e, a causa di un incidente, perderà presto anche l’uso dell’occhio destro. Nel libro La musica del silenzio, uscito nel 2010 per De Agostini, il tenore racconta la sua esperienza e il suo rapporto con la cecità. Il 18, 19 e 20 settembre, a pochi giorni dall’incidente a cavallo che ha spaventato i fan dell’artista, è uscito nelle sale cinematografiche il film La musica del silenzio liberamente ispirato alla vita di Bocelli. Il film è diretto da Michael Radford (già regista de Il postino con Massimo Troisi) mentre tra gli attori ritroviamo Toby Sebastian e Antonio Banderas. Vogliamo qui ripercorrere le tappe principali della vita e della carriera di questo straordinario artista che, nonostante la cecità, è riuscito grazie all’amore per la musica a raggiungere il successo.

Andrea Bocelli: la carriera

Concluso il liceo, Bocelli si iscrive a Giurisprudenza all’Università di Pisa dove si laurea.

Non tralascia però gli studi di canto per cui prenderà lezioni anche dal tenore idolo del Novecento Franco Corelli. Nel 1992 si fa avanti per un’audizione che il già celebre Zucchero stava tenendo per la sua Miserere, brano pensato per Luciano Pavarotti e da realizzare proprio con il fantastico tenore modenese. Pavarotti registrerà la canzone ma nei concerti della tournée europea di Zucchero sarà proprio Andrea Bocelli ad esibirsi al suo posto.

Il successo

Con l’interpretazione di Miserere arriva per Bocelli il successo e l’artista comincia a farsi conoscere e apprezzare dal pubblico italiano. L’anno successivo Bocelli inizierà anche la carriera discografica con la Sugar. Nel 1994 vince il Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte con Il mare calmo della sera, scritto dallo stesso Zucchero e da Gloria Nuti. Sempre a Sanremo, nel 1995, si classifica quarto con il brano Con te partirò. Nel 2004 esce il disco che si intitola semplicemente Andrea.

Nell’album sono presenti brani scritti, tra gli altri, da Maurizio Costanzo, Lucio Dalla e Enrique Iglesias. Andrea Bocelli continua i suoi tour in tutto il mondo e i suoi album sono sempre all’apice delle classifiche internazionali. Il tenore è oggi conosciuto e apprezzato in tutto il mondo e ha ottenuto enormi e innumerevoli riconoscimenti per la sua bravura.

Andrea Bocelli: vita privata

Nel 1989, all’età di 31 anni, Bocelli sposa Enrica Cenzatti che gli darà due figli: Amos e Matteo. La storia d’amore tra i due purtroppo si conclude nel 2002 con un sofferto divorzio. Nel 2014 Andrea si risposerà con Veronica Berti dalla quale aveva avuto l’anno precedente una bambina, Virginia.

La cecità di Bocelli

A causa di un glaucoma, Bocelli è stato cieco fin dalla nascita dall’occhio sinistro. La cecità totale arrivò poi qualche anno più tardi su un campetto di calcio. Bocelli diventerà cieco a causa di una pallonata sull’occhio destro (l’unico dal quale riusciva a scorgere la luce e i colori). Andrea smette di essere il vivace e instancabile ragazzino per dedicarsi alle cure.

L’unica cosa in grado di consolarlo dalle operazioni e dai dolori procurati dalle cure era il suo giradischi. Come detto in precedenza, Bocelli racconterà queste esperienze nel libro autobiografico La musica del silenzio.

Altri cantanti ciechi italiani

Bocelli non è l’unico cantante talentuoso italiano colpito dalla cecità. Ci sono anche tantissimi altri artisti, tra i quali ricordiamo:

  • Aleandro Baldi;
  • Annalisa Minetti;
  • Silvia Zaru;
  • Loredana Bacchetta;
  • Claudia Battezzati;
  • Elena Canale;
  • Angelo Cavallo;
  • Duccio Liberti;
  • Barbara Marchiori;
  • Silvia Mattia;
  • Matteo Panariello;
  • Genoveffa Passero;
  • Luca De Rinaldis;
  • Andrea Corvino;
  • Francesco Zingariello.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche