Una tata coinvolta nella morte di due bambini a New York

Cronaca

Una tata coinvolta nella morte di due bambini a New York

La polizia di New York ha pubblicato questa mattina i nomi dei due bambini che sono stati accoltellati dalla loro tata in un appartemento lussuoso dell’Upper West Side.

I corpi dei bambini sono stati scoperti nella vacanza da bagno dalla loro madre. La loro tata è stata trovata in uno stato incosciente accanto a loro con una ferita al collo, ha raccontato la polizia di New York.

Lucia Krim, d 6 anni e suo fratello Leo di 2, sono stati uccisi nell’attacco. Entrambi i bambini sono stati trasportati all’opedale nella serata di giovedì ed è stata diagnosticata la loro morte.

La loro tata, Yoselyn Ortega di 50 anni, versa in condizioni critiche, ma stabili al New York Presbyterian Hospital. Non ha nessun precedente penale secono la stazione WABC. L’indagine sta proseguendo e non ci sono molti particolari al momento.

La polizia non ha ancora trovato un movente per la morte dei piccoli.

Il padre dei piccoli, Kevin Krim, che lavora presso la CNBC, era in viaggio di lavoro quando i bambini sono stati uccisi. E’ tornato a casa giovedì sera e la polizia è andato a prenderlo all’aeroporto raccontandogli quanto successo.

La madre Marina Krim e l’altra figlia di 3 anni, stavano tornando da una lezione di nuoto verso le 17,30, da quanto Ray Kelly ha raccontato ai giornalisti. Quando hanno trovato l’appartamento scuro, lei è scesa per le scale e ha chiesto al custode se la tata era uscita con i bambini. Quando ha risalito le scale ed è entrata nell’appartamneto, ha scoperto i bambini accoltellati nella vasca da bagno. La tata è stata trovata nella vasca da bagno con delle ferite al collo, e un coltello da cucina accanto a lei, a quanto ha raccontato la polizia. Le urla della madre potrebbero essere state sentite qualcuno nell’appartamento. La polizia pensa che la tata si sia inflitta le ferite.

Una vicina che abita nello stesso piano ha raccontato di aver sentito delle urla intorno alle 17, 30. “Era orribile”, “ti taglio la gola”, ha raccontato la vicina, una terapista musicale.

La tata era appena stata assunta. “Io l’ho incontrata un paio di giorni fa e abbiamo anche parlato”.

Dopo l’arrivo della polizia, la madre ha urlato tenendosi stretta alla figliadi 3 anni.

Il vicino ha raccontato che “la madre stava piangendo. Cosa farò ora della mia vita? La mia vita è rovinata. Non ho più bambini, non ho più bambini”. Ha anche raccontato di aver incontrato una volta la tata, salutandola, ma non ha risposto.

Su un sito dedicato ai matrimoni e alle figlie, la figlia soprannominata Lulu, è descritta come “un’amante dell’arte, del balletto e di tutte le cose tipiche di una principessa”, mentre il fratello stava appena iniziando a camminare.

I vicini hanno descritto i Krim come una famiglia felice e serena.

“Una famiglia occupata, che si dedicava spesso a organizzare feste”.

Un comunicato apparso venerdì mattina della Comcast e NBC Universal recita così: “Un membro della famiglia CBC ha subito una perdita inimagginabile. La tristezza che noi tutti proviamo per Kevin, Marina e la loro famiglia è incommensurabile. I nostri pensieri, le nostre preghiere e il nostro supporto sono con loro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche