Under 21: Stramaccioni sarà il successore di Mangia COMMENTA  

Under 21: Stramaccioni sarà il successore di Mangia COMMENTA  

Andrea Stramaccioni sarà il successore di Devis Mangia sulla panchina della nazionale italiana Under 21, l’ex allenatore dell’Inter è il prescelto dallo staff tecnico azzurro per guidare i vice campioni d’Europa di categoria.


Tempo di scelte in casa azzurra, dopo la conclusione dell’Europeo Under 21, torneo in cui la nostra nazionale ben si è comportata nonostante la sconfitta in finale ad opera della Spagna, il C.T. Mangia lascia la guida della squadra per rimettersi in gioca su una panchina di un club, appena ce ne sarà l’opportunità, il suo successore alla guida della nazionale giovanile sarà Andrea Stramaccioni.

L’ex allenatore dell’Inter è il pre-scelto da Arrigo Sacchi, l’ex tecnico del Milan, oggi coordinatore tecnico delle Nazionali giovanili italiane, ha da sempre espresso il suo apprezzamento per il tecnico romano e già in passato ha pensato di affidargli la guida di una nazionale giovanile (l’Under 16 nell’estate 2009 prima del suo approdo nella primavera dell’Inter).
Per Stramaccioni sarà l’occasione per rimettersi subito in gioco dopo la stagione negativa disputata alla guida dell’Inter, esperienza arrivata forse troppo presto per lui, e per confermare le sue indubbie doti da allenatore, doti solo intraviste nella sua avventura nella squadra di Moratti.

Il nuovo corso targato Stramaccioni dovrà ripartire da quei giocatori che già facevano parte del gruppo azzurro nell’Europeo appena concluso, e ancora rientrano nella fascia d’età per giocare nell’Under 21 (Bardi, Bianchetti, Saponara) e trovarne altri all’altezza di quelli che lasceranno l’Under per limite di età raggiunto o passaggio nella nazionale maggiore di Prandelli (Verrati, Insigne, Florenzi).
Starà al nuovo commissario tecnico azzurro riorganizzare la “sua” futura squadra per puntare nuovamente ai risultati ottenuti da Mangia nell’ultimo anno e perché no migliorarli.

L'articolo prosegue subito dopo

Vincenzo Margiotta

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*