Unipol Banca assume in tutta Italia COMMENTA  

Unipol Banca assume in tutta Italia COMMENTA  

Sono previste nuove opportunità di lavoro in Unipol Banca, questa è la specifica divisione bancaria che insieme a quella assicurativa costituisce la società Unipol Gruppo Finanziario.

Leggi anche: Euronics assume addetti alle vendite e responsabili


Sono presenti diverse offerte di lavoro nelle Marche, Emilia Romagna e Toscana. Vediamo, ora, in sintesi di darvi delle informazioni sulle posizioni aperte e sulle modalità di invio del curriculum vitae.

Leggi anche: Luneur Park riapre il 27 ottobre e assume collaboratori

Sono attive sul portale lavoro del Gruppo Unipol tante selezioni di nuove risorse e questo vale sia per il settore bancario che per quello assicurativo. Per quanto concerne il ramo bancario, il Gruppo assume personale per la divisione Unipol Banca, le assunzioni avverranno sia per la sede centrale a Bologna che presso gli sportelli dislocati sul territorio.

Le figure professionali ricercate sono le seguenti: RACCOLTA ORDINI/NEGOZIAZIONE STRUMENTI FINANZIARI, Bologna; ADDETTI FILIALE, Roma, Castel del Piano (GR), Tolentino (MC); ADDETTI GESTIONE ATTIVITA’ CASSA CENTRALE, Bologna.

L'articolo prosegue subito dopo

Tutte le persone interessate alle opportunità di lavoro in Unipol Banca possono inoltrare la propria candidatura vistando la pagina del sito web dedicata alle offerte di lavoro del gruppo. Per mezzo di essa potranno visionare tutte le posizioni aperte e registrare il proprio cv, questo in risposta agli annunci di lavoro che interessano. In vista di future selezioni di personale il Gruppo dà comunque la possibilità di inviare la propria autocandidatura.

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*