Università e spending review: più tasse per i fuoricorso COMMENTA  

Università e spending review: più tasse per i fuoricorso COMMENTA  

Si preannunciano tempi duri per i fuoricorso universitari: un emendamento al decreto per la spending review, approvato ieri notte dalla commissione Bilancio del Senato, prevede la possibilità di un aumento delle tasse universitarie per coloro che non si sono laureati nella durata normale dei corsi di studio. Gli aumenti saranno stabiliti in base ai principi delineati dal ministero dell’Istruzione, definiti “sulla base dei principi di equità, progressività e redistribuzione e tenendo conto degli anni di ritardo rispetto alla durata normale dei corsi di studio, del reddito familiare, del numero degli studenti appartenenti al nucleo familiare iscritti all’università e della specifica condizione degli studenti lavoratori”.

Saranno gli atenei a decidere se e quanto aumentare le tasse universitarie, che, come riportato nel decreto-legge approvato dalla Commissione, possono raggiungere il doppio del normale. In base alle dichiarazioni Isee, sono previsti tre scaglioni: il primo gruppo di fuoricorso, con reddito isee inferiore a 90mila euro, dovrà pagare fino al 25% in più rispetto a quanto versato dagli studenti in corso. Il secondo livello stabilisce un aumento del 50% per chi ha un isee familiare tra 90mila e 150mila euro, mentre i fuoricorso più ricchi, con isee familiare superiore a 150mila euro, potranno arrivare a pagare fino al 100% in più.


Tuttavia, se può essere di qualche consolazione agli studenti fuoricorso, i loro soldi  andranno a finanziare borse di studio (almeno il 50%)  e gli interventi di sostegno al diritto allo studio, come i servizi abitativi, di ristorazione e di orientamento, oltre al tutorato, attività a tempo parziale, trasporti, assistenza sanitaria, accesso alla cultura, servizi per la mobilità internazionale e materiale didattico.


Ora che lo sapete, non vi è venuta voglia di studiare di più?

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*