Uno spinello di cannabis è l’equivalente di fumare 20 sigarette

Wellness

Uno spinello di cannabis è l’equivalente di fumare 20 sigarette


Fumare uno spinello equivale a 20 sigarette in termini di rischio di cancro polmonare, hanno scoperto gli scienziati in Nuova Zelanda, in quanto hanno avvertito di una “epidemia” di tumori polmonari legati alla cannabis.

Gli studi in passato hanno dimostrato che la cannabis può causare il cancro, ma pochi hanno stabilito un forte legame tra uso di cannabis e la reale incidenza di cancro ai polmoni.
In un articolo pubblicato sull’European Respiratory Journal, gli scienziati hanno detto che la cannabis può danneggiare le vie aeree più del tabacco, in quanto il fumo contiene il doppio del livello di sostanze cancerogene, come gli idrocarburi poliaromatici, rispetto alle sigarette di tabacco.

Il metodo di fumo aumenta il rischio, in quanto gli spinelli sono tipicamente fumati senza un appropriato filtro e quasi alla punta stessa, che aumenta la quantità di fumo inalato. Il fumatore di cannabis inala più profondamente e più a lungo, facilitando il deposito di carcinogeni nelle vie aeree.

“I fumatori di cannabis hanno cinque volte più monossido di carbonio nel loro sangue (rispetto ai fumatori di tabacco),” ha detto in un’intervista telefonica il team leader Richard Beasley, presso l’Istituto di ricerca medica della Nuova Zelanda.
“Ci sono alte concentrazioni di sostanze cancerogene nel fumo di cannabis … cosa è interessante per noi è che c’è così poco lavoro fatto sulla cannabis quando c’è così tanto da fare nel settore del tabacco.”

I ricercatori hanno intervistato 79 pazienti con carcinoma polmonare e hanno cercato di identificare i principali fattori di rischio per la malattia, come il fumo, storia familiare e l’occupazione.

I pazienti sono stati interrogati sul consumo di alcool e cannabis.
In questo gruppo ad alta esposizione, il rischio di cancro ai polmoni è aumentato di 5.7 volte per i pazienti che fumano più di uno spinello al giorno per 10 anni, o due spinelli al giorno per 5 anni.

“Anche se il nostro studio riguarda un gruppo relativamente piccolo, mostra chiaramente che a lungo termine il fumo di cannabis aumenta il rischio di cancro ai polmoni”, ha scritto Beaseley.
“Il consumo di cannabis potrebbe già essere responsabile di uno su 20 tumori al polmone diagnosticati in Nuova Zelanda”, ha aggiunto.
“Nel prossimo futuro potremmo vedere un ‘epidemia’ di tumori polmonari connessi con questa sostanza cancerogena. E il rischio futuro si applicherà probabilmente per molti altri paesi, in cui l’uso crescente di cannabis tra i giovani adulti e gli adolescenti sta diventando un grave problema di salute pubblica. “

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche