Uno straniero in Italia può votare? COMMENTA  

Uno straniero in Italia può votare? COMMENTA  

Alle elezioni – che siano comunali, provinciali, regionali, e via dicendo – c’è sempre qualcuno a caccia di voti. Ogni persona, maggiorenne o centenaria, viene quasi trascinata all’urna elettorale per apporre la sua x.

E’ giusto. Votare è innanzitutto un dovere oltre che un diritto.
Pensate che c’è chi non vota – per noia – e chi vorrebbe votare, o meglio vorrebbe essere in possesso del diritto di voto. Un esempio? Gli stranieri.


Per stranieri intendo ovviamente coloro che provengo da un paese che si trova al di fuori dell’Unione Europea. Ma non è tutto oro ciò che luccica. Il diritto di voto degli stranieri comunitari vale solo per gli enti residenziali. Possono cioè  partecipare alle elezioni degli organi del comune e della circoscrizione in cui sono residenti ma per farlo devono presentare al sindaco una domanda di iscrizione nella lista elettorale aggiunta, istituita presso lo stesso comune.

Le cose sono diverse invece per i cittadini extracomunitari.

Per ottenere pieni diritti, almeno in Italia, bisogna essere cittadini. Per richiederla bisogna essere residenti in Italia per 10 anni, 3 in caso di matrimonio.

Leggi anche

About Enrica Marrelli 457 Articoli
Laureata in Teoria della Comunicazione e Comunicazione Pubblica presso l'Università della Calabria. Amo la lettura ma mi appassiona anche il grande e il piccolo schermo.
Contact: Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*