Uomo si ubriaca mangiando carboidrati - Notizie.it

Uomo si ubriaca mangiando carboidrati

Esteri

Uomo si ubriaca mangiando carboidrati

Un uomo di trentaquattro anni deve fare i conti con la sua malattia: il suo intestino tramuta il cibo che ingerisce in alcool e lui è sempre ubriaco

A volte arrivano notizie su persone affette dalle patologie più curiose, alcune davvero imbarazzanti. Una di queste è la malattia del giovane Matthew Hogg, un trentaquattrenne che si ubriaca con la pasta e con il pane. Matthew, da quando è bambino, prova gli stessi effetti di chi ha alzato un po’ troppo il gomito quando magia qualsiasi cosa contenga zuccheri. Pasta, patate, pane, dolci, basta un morso e il suo stomaco tramuta questi alimenti in alcool che viene ovviamente mandato in circolo per tutto il corpo causando una vera e propria sbornia.

La sua famiglia ha speso più di 50.000 sterline nella speranza di trovare una cura per Matthew, ma tutt’oggi non si è ancora riusciti a trovare un antidoto e il ragazzo è costretto ad un’ alimentazione estremamente rigida.

Matthew ha raccontato che durante la sua infanzia era quasi sempre ubriaco poiché ha capito il problema solamente da adulto: “Ho avuto sintomi da quando sono nato e durante la mia infanzia ci sono state innumerevoli volte che mi sono trovato ubriaco senza aver mai toccato una bevanda alcolica. Ogni volta che mangio pane, patate o riso con amido, produco il 100% di alcol che viaggia nel mio corpo attraverso il sangue. Se mangio una porzione di riso mi ritrovo con dei postumi equivalenti ad avere bevuto tre bottiglie di vino rosso la sera prima”.

In molti staranno invidiando la sua condizione, l’idea di ubriacarsi spendendo solo un euro per un pezzo di pane sembra allettante, ma in realtà le conseguenze per il fisico non sono le migliori. Questa condizione ha portato Matthew ad avere svariati problemi al fegato e numerosi fastidi allo stomaco, oltre ad un regime alimentare totalmente dipendente dalla sua patologia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche