Usa, donne soldato in guerra COMMENTA  

Usa, donne soldato in guerra COMMENTA  

Un proclama firmato dal segretario di Stato americano Leon Panetta ha sancito che anche le soldatesse possono combattere in prima linea con licenza di uccidere e morire.

La decisione arriva contemporaneamente alla revoca di una precedente legge del 1994, che invece stabiliva l’esclusione delle donne soldato dai posti più pericolosi per occupare ruoli meno cruenti nelle retrovie.

Le femministe esultano, considerando il provvedimento un passo in avanti nelle pari opportunità, per altre donne diventare strumenti di morte non è certo sinonimo di uguaglianza.

Oggi le donne militari negli Usa rappresentano il 20% delle truppe in servizio attivo. Nella guerra in Iraq 400 donne sono state ferite e più di 50 sono morte durante le operazioni militari.

L'articolo prosegue subito dopo

In altri Paesi le donne soldato combattono in prima linea da molto tempo: nei Paesi dell’Europa del Nord, per esempio, questo succede dal 1985.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*