Usa: Folle spara e uccide 20 studenti in un college, Obama: ‘Subito una legge sulle armi’

Esteri

Usa: Folle spara e uccide 20 studenti in un college, Obama: ‘Subito una legge sulle armi’

Ancora una volta è orrore negli Usa, per la follia di un uomo armato che ha compiuto una vera e propria strage di studenti presso un college a Rosenburg (Oregon), nella quale hanno perso la vita 15 studenti, e venti sono ricoverati, alcuni in gravi condizioni.

La maggior parte degli studenti sono stati bersagliati dai colpi sparati dallo squilibrato proprio nel momento in cui stavano svolgendo regolare lezione in classe. L’assassino è un giovane ventenne, che si ipotizza essere stato uno studente del college, entrato nelle stanze del complesso studentesco per fare fuori tutti coloro che fossero cristiani.

Nel piano folle dell’ex studente, coloro che hanno ammesso di essere cristiani sono stati sparati in testa, mentre quelli di altre religioni sono stati colpiti alle gambe. Prima di sparare, lo stesso studente, interrogava gli studenti sulla religione professata. Gli agenti di polizia, che hanno fatto irruzione nel collegio tempestivamente, lo hanno ucciso dopo uno scontro a fuoco.

Il killer portava con se’ circa 4 pistole, ed avrebbe continuato ad ‘abbattere’ gli studenti cristiani, se non fossero intervenuti prontamente gli agenti a mettere fine al suo disegno di morte.

Il bilancio delle vittime è provvisorio, e si teme che possa eguagliare quello della famosa strage avvenuta nella Columbine School, sempre in Oregon, dalle dinamiche simili.

Per il momento gli inquirenti escludono l’ipotesi di terrorismo come matrice della strage, mentre è sempre più accreditata l’ipotesi che il giovane fosse affetto da turbe psichiche.

Sembra che il giovane avesse già annunciato su twitter il proprio piano di morte, invitando gli studenti a non recarsi a scuola il giorno successivo.

‘Di fronte questi episodi che si ripetono – ha dichiarato Obama, molto addolorato – le preghiere non bastano, ancora una volta le vite di famiglie sono cambiate per sempre.

Siamo l’unico Paese moderno al mondo che vede questo tipo di sparatoria quasi ogni mese. Sono diventati una routine. Non ci sono leggi sufficienti sul controllo delle armi. Siamo tutti collettivamente responsabili per questo tipo di tragedie. Gli Usa sono l’unico Paese avanzato dove non e’ possibile varare una legge di buon senso sulle armi da fuoco, come vorrebbe la maggioranza degli americani’.

Leggi anche