USA, le scuse ufficiali da parte di Volkswagen COMMENTA  

USA, le scuse ufficiali da parte di Volkswagen COMMENTA  

La notizia è stata diffusa ieri dal sito Mashable e riguarda ancora una volta la Volkswagen.

Non è però relativa alla scoperta di nuove violazioni o marchingegni trucca – emissioni, né a nuovi modelli di auto coinvolti nello scandalo, bensì al fatto che la casa automobilistica tedesca ha deciso di rendere ufficiali le proprie scuse a tutti i clienti americani. Se ne era già parlato nelle scorse settimane, ma ora le prime misure varate dai vertici di Wolfsburg sono diventate ufficiali. 500 dollari in una carta prepagata e altri 500 in una tessera clienti sono il primo “risarcimento” che Volkswagen ha proposto ai propri clienti. Una pagina intera di scuse, con tanto di richiesta di avere ancora pazienza, che saranno pubblicate su una trentina di quotidiani fra i più diffusi degli Stati Uniti, fra cui il New York Times.


Stiamo lavorando per sistemare le cose” è il titolo del messaggio. “Nei mesi scorsi ci siamo scusati con voi, fedeli clienti, per i problemi legati alle emissioni del 2.0L VW.

Stiamo lavorando senza sosta per mettere a punto una soluzione, ma nel frattempo vi chiediamo di avere ancora un po’ di pazienza. Al momento, vogliamo offrire a tutti i proprietari di veicoli TDI coinvolti, una tessera Volkswagen Visa prepagata da 500 dollari, una tessera punti da 500 dollari e un contratto di assistenza stradale 24 ore su 24 gratuito per tre anni.

Speriamo che intravediate che questo è un primo passo per cercare di riconquistare la vostra inestimabile fiducia. Per sapere se il vostro veicolo è interessato da problemi di emissione e per ricevere l’offerta Volkswagen, visitate il sito vwdieselinfo.com e inserite il vostro numero vin”.

Un messaggio asciutto, un’offerta di pace, una proposta che Volkswagen lancia ai suoi clienti per cercare di riconquistare la loro fiducia e ripartire insieme.

L'articolo prosegue subito dopo

Non di meno, un’operazione di marketing di cui è ben chiaro che la casa automobilistica non può fare a meno, in questo momento, ma che omette di esprimere scuse per il danno ambientale provocato, quello più grave di tutti, di qualunque entità sia stato, quello per il quale la Visa prepagata non serve a nulla.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*