Usa, potenziato il controllo sull’Iran COMMENTA  

Usa, potenziato il controllo sull’Iran COMMENTA  

Il quotidiano statunitense Washington Post ha rivelato la portata dell’organizzazione denominata “Persian House”, nella quale sono confluiti decine di esperti chiamati a sorvegliare i progressi iraniani in campo atomico, in modo tale da evitare che gli Stati Uniti possano essere messi di fronte al fatto compiuto dalla Repubblica islamica.


Secondo gli israeliani invece l’Occidente potrebbe non accorgersi dei progressi di Teheran, ragione per la quale continuano a sostenere la necessità di un attacco militare.


Per il quotidiano il grande volume di dati di intelligence ha dato alla Casa Bianca maggiore peso nei contatti diplomatici con Russia e Cina, le due potenze che ostacolano ogni iniziativa dura contro l’Iran. Obama avrebbe mostrato alle controparti informazioni «solide» su cosa stanno combinando gli ayatollah. Secondo le valutazioni Usa, Teheran ha fatto passi in avanti ma non ha ancora deciso se arrivare alla preparazione dell’ordigno.


Per questa ragione – sempre secondo un altro articolo apparso sul Washington Post – la Casa Bianca potrebbe accettare un programma nucleare civile iraniano purché strettamente sorvegliato. L’idea è ancora vaga, ma Obama l’avrebbe fatta arrivare agli iraniani attraverso un canale turco

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*