Come usare Smart Reply su Google COMMENTA  

Come usare Smart Reply su Google COMMENTA  

L’apprendimento automatico adesso può rispondere alle vostre mail. Una nuova caratteristica nell’app Inbox di Google può riconoscere il contenuto delle mail e regolare le risposte usando un linguaggio naturale, senza che dobbiate fare qualcosa.

L’apprendimento automatico è usato per esaminare le email e capire se hanno bisogno di una risposta, prima della creazione di tre opzioni di risposta. Una mail che chiede sui progetti per le vacanze, ad esempio, potrebbe avere come risposta “Niente progetti ancora”, “Te li ho appena mandati” o “Ci sto lavorando”.

La caratteristica, soprannominata Smart Reply, è disponibile solo sull’app Inbox di Google per Android e iOS. È stata progettata per le email che possono ricevere una risposta breve come “Te lo manderò” o “No, mi spiace”.

Google ha riferito che il sistema dovrebbe permettere agli utenti di replicare alle mail in solo due tocchi – un tocco per aprirlo, un tocco per selezionare la risposta e mandarlo.

Le risposte che l’utente sceglie, o non sceglie, aumenteranno i suggerimenti futuri. Secondo l’ingegnere Bálint Miklós, che per primo ha avuto l’idea, il sistema suggeriva “Ti amo” come risposta adatta alle email sul posto di lavoro. Questa è stata la conseguenza di quello che Smart Reply aveva imparato dalle mail che aveva scansionato. Poiché “Grazie”, “Suona bene” e “Ti amo” erano risposte comuni, Smart Reply usava queste espressioni quando era incerta su quello da dire. Questa anomalia è stata rimossa.

Smart Reply è costruito su un paio di reti neutrali ricorrenti, uno che codifica le email ricevute e un altro che raggiunge le possibili risposte. Ogni parola è catturata a sua volta per creare una lista di numeri, conosciuta come pensiero vettore, che dà al sistema l’essenza di quello che è stato detto. Da questa, la seconda rete costruisce una risposta grammaticalmente corretta, una parola alla volta.

L'articolo prosegue subito dopo

Non solo il sistema di Google deve capire il complesso e variegato modo di comunicare delle persone, deve anche assimilare email che possono essere lunghe centinaia di parole. Per fare questo, Smart Reply si focalizza solo sulle frasi più importanti e ignora tutto il resto. Il Google ha usato una variante di una rete di memoria a breve termine per aiutare il sistema a perfezionarsi su quali parti delle email in arrivo dovrebbero essere più utili per predire una risposta.

Un altro cambiamento riguarda l’accesso ai dati. Per ragioni di privacy, e fare in modo che il sistema sia veramente utile, nessun essere umano ha accesso ai dati. Questo significa che è tutto elaborato da un computer. “I ricercatori devono ottenere l’ apprendimento automatico per lavorare su un insieme di dati, che essi stessi non possono leggere, ed è un po’ come cercare di risolvere un puzzle ad occhi chiusi,” ha spiegato Greg Corrado, ricercatore di Google.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*