Va a fuoco la speranza COMMENTA  

Va a fuoco la speranza COMMENTA  

Restano gravissime le condizioni del muratore emiliano che ieri si era dato fuoco dinanzi all’Agenzia delle Entrate di Bologna e ancora questa mattina un operaio immola se stesso in Piazza Bra, a Verona. Fortunatamente se la caverà con qualche ustione alla testa e alle gambe.


Eh, c”è la crisi. Senza scomodare canzonette vetuste che si chiedevano cosa fosse, è innegabile che in ogni nostro quotidiano discorso l’argomento è presente. Ma, purtroppo, talvolta viene fatto un uso veramente strumentale di questo concetto e allora la cosa si ingarbuglia, apre scenari inquietanti e ci fa sentire sul serio piccolissimi ingranaggi.


Davanti a fatti come questi, chi detiene il potere dovrebbe offrire meno insipienza e più riflessione: ormai non sono più casi isolati da inviare a perizia psichiatrica, ma è cronaca quotidiana . Non è più possibile coprire il dolore della gente con discorsi rassicuranti, o parole chiave. Qualcosa, qualunque atto ora è dovuto.


Lorenza Cattadori

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*