Vacanze a Settembre: 9 milioni di italiani in viaggio, +7,2% sul 2016

Viaggi

Vacanze a Settembre: 9 milioni di italiani in viaggio, +7,2% sul 2016

vacanze

9 milioni di italiani hanno scelto settembre per le loro vacanze. 7,2% in più rispetto al 2016. Un dato che conferma l'estate positiva per il turismo.

E’ una lunga, calda estate, che stando ai dati resi disponibili da Federalberghi è destinata a proseguire, visto che ben 9 milioni di italiani hanno deciso di prolungare le loro vacanze anche nel mese di settembre.

Vacanze a settembre: una tradizione che si consolida

Se si guardano i dati, le vacanze di settembre non sono una novità per gli italiani. Da diversi anni, infatti, molti hanno scelto questo periodo per godere del loro meritato periodo di riposo. Un’abitudine già consolidata in altri paesi europei che si è affermata anche in Italia. Complice forse la crisi economica di questi ultimi anni, molti nostri concittadini hanno modificato le proprie abitudini. E la scelta è ricaduta su periodi considerati di “bassa stagione” e quindi meno costosi. Nemmeno l’inizio della scuola, in genere considerato un ostacolo per godere delle vacanze, sembra aver scoraggiato gli italiani.

I dati del 2017: +7,2% rispetto al 2016

A colpire sono soprattutto le dimensioni della scelta.

I vacanzieri di settembre rappresentano infatti il 14,9% della popolazione italiana, 9 milioni appunto. L’incremento rispetto al 2016, è del 7,2%: un bel salto. Ma c’è anche un altro dato significativo: anche se la rilevazione di Federalberghi riguarda tutti i cittadini che hanno scelto “almeno un giorno” di vacanza, in realtà per 7,5 milioni di italiani quelle di settembre saranno le vacanze principali dell’estate. Quelle più lunghe e nelle quali si spenderanno più soldi. Insomma, siamo in presenza di un vero e proprio boom, per la gioia degli operatori del settore.

Le ragioni di un successo

Sono molte le ragioni per le quali gli italiani stanno mostrando di preferire settembre per le proprie vacanze. Il clima eccezionalmente caldo di questa estate è sicuramente un fattore, ma è tutto l’insieme a farsi preferire. A settembre i prezzi sono certamente più favorevoli. Le località meno affollate rispetto a luglio e agosto consentono non solo spostamenti più agevoli, ma anche la possibilità di godersi le bellezze della natura con maggiore libertà.

Un ulteriore vantaggio è rappresentato dal fatto che risulta anche più semplice raggiungere le località di villeggiatura: i “bollini neri” della viabilità, vero e proprio incubo delle vacanze, sono di gran lunga inferiori rispetto ai mesi centrali dell’estate.

Un’annata positiva, dice Federalberghi

I dati delle vacanze di settembre confermano che siamo in presenza di un’estate particolarmente positiva per tutto il settore del turismo. Un segnale incoraggiante per uno dei settori più importanti per l’economia del nostro paese. “Le previsioni per il mese di settembre inducono a guardare con ottimismo alla chiusura della stagione estiva, che è stata sin qui contrassegnata da un andamento medio più che positivo” Sono le parole usate dal Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, commentando i dati delle vacanze di settembre. Sul successo di questa lunga estate calda ha un peso rilevante anche il turismo proveniente da oltre confine. Anche in questo caso siamo in presenza di un segno positivo: 3% di turisti stranieri in più rispetto al 2016.

Segno che gli stranieri stanno continuando a preferire le nostre località per le loro vacanze: accanto alle città d’arte, sono la Puglia, la Sicilia e la Sardegna le mete più ricercate. Il dato più clamoroso resta quello di Matera, Capitale della Cultura 2019, che ha fatto registrare un +152% di presenze negli ultimi anni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche