Vaccino, ritirate 500mila dosi: la Novartis sapeva delle anomalie da luglio COMMENTA  

Vaccino, ritirate 500mila dosi: la Novartis sapeva delle anomalie da luglio COMMENTA  

20121025-094241.jpg

Il ministero della salute vieta categoricamente a tutti di vaccinarsi fino a quanndo non saranno compiuti approfonditimaccertamenti sui vaccini Agrippal, Influpozzi sub unità, influpozzi audiuvato e Flaud. durante la conferenza stampa, il ministro della Salute, Renato Balduzzi ha detto

Dalla documentazione data da Novartis il 19 ottobre emerge che l’azienda era a conoscenza delle anomalie riscontrate nei vaccini dall’11 luglio.

Novartis ha rappresentato la presenza di qualche anomalia in alcuni lotti di vaccino – ha continuato il ministro – a margine di una riunione in sede Aifa lo scorso 18 ottobre; il giorno dopo l’azienda ha inviato dei report da cui risulta appunto che sapeva delle anomalie dall’11 luglio.

Naturalmente, su questo aspetto, ci riserviamo di fare tutti gli approfondimenti del caso e già domani ne chiederemo conto all’azienda». Per il ministro Balduzzi, le dosi di vaccino «contrattate con Novartis sono 3 milioni: il blocco riguarda solo quelle già arrivate sul mercato, 175mila in farmacia e 312mila nel circuito delle Aziende sanitarie.

Naturalmente la campagna vaccinale subirà una brusca frenata ma il segretario della Federazione dei medici di famiglia, Giacomo Milillo, invita a non cadere in facili allarmismi

La campagna dovrebbe partire senza troppi problemi: il ministero ci ha appena assicurato di aver autorizzato la distribuzione di 7,5 milioni di dosi

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*