Valentina, la prima transgender sulle passerelle della moda di Milano

Attualità

Valentina, la prima transgender sulle passerelle della moda di Milano

Valentina, la prima transgender sulle passerelle della moda di Milano
Valentina, la prima transgender sulle passerelle della moda di Milano

È brasiliana la modella transgender, apparsa recentemente sulla copertina di “Vogue”, che arriverà a Milano per la settimana della moda.

Valentina Sampaio, modella brasiliana 22enne, è stata la prima modella transgender ad essere immortalata per la copertina di “Vogue” e ora sarà la prima a calcare le passerelle della settimana della moda di Milano.

La giovane ragazza è già diventata un’icona del movimento LGBT: “Sono fiera – afferma la modella – È un momento importante perché la moda è uno strumento per facilitare i dibattiti. In questo momento si parla di noi trans, nella speranza che un giorno saremo liberi e che potremmo fare tutte le cose che sono lecite agli altri esseri umani”.

“La bellezza è nella nostra essenza, nella nostra anima – continua la modella – Non vedo differenze nell’essere trans, come un difetto o una anomalia. È qualcosa di naturale. Ciascuno è quello che è. Maria è Maria, Giovanni è Giovanni, e io sono Valentina”.

Valentina in Brasile è già una top model da quattro anni, cioè, da quando ha intrapreso la sua precoce carriera che l’ha portata in poco tempo a lavorare per i maggiori marchi della moda internazionale.

È diventata ambasciatrice di L’Oreal e protagonista molto attesa della scorsa settimana della moda di San Paolo, a ottobre.

“Il consiglio che posso dare ai transessuali è di credere in se stessi e non fermarsi davanti alle difficoltà, ma di perseguire i propri sogni. In generale noi trans non abbiamo molte opportunità – aggiunge – siamo dimenticati e questo deve finire. Qualunque sia il lavoro che svolgete, l’importante è che venga riconosciuta la propria professionalità e il proprio talento”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche