Vanno avanti i lavori sulla riforma del mercato del lavoro COMMENTA  

Vanno avanti i lavori sulla riforma del mercato del lavoro COMMENTA  

Elsa Fornero
Elsa Fornero

La riforma del mercato del lavoro sembra entrata nell’ultima fase della sua gestazione, tanto che il ministro del Lavoro Elsa Fornero afferma che essa sarà varata entro marzo.

La stessa Fornero ha voluto tranquillizzare sulle voci circa la possibilità di un provvedimento varato anche senza il consenso delle parti sociali, sottolineando che il Governo lavora per l’accordo e che la strada per arrivarci “è un bel sentiero largo”. Nella giornata di oggi, la Fornero si è incontrata con il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, mentre domani ha in calendario l’incontro con il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia.

L’incontro congiunto con le parti sociali dovrebbe invece aver luogo la prossima settimana. “Il tavolo ci sarà quando avremo qualcosa di più concreto, quando saremo pronti.

Direi la settimana prossima”. Per quanto concerne la ciccia, cioè lo specifico dei provvedimenti che andranno a comporre il pacchetto lavoro, il reponsabile del Welfare ha voluto fissare dei paletti ricordando che il vincolo delle risorse per gli ammortizzatori sociali, così come per tutti i temi della spesa pubblica, è drammatico.

L'articolo prosegue subito dopo

In questo quadro, molto preoccupante, riuscire a mantenere, senza decurtarle, le risorse per le politiche sociali costituisce un risultato abbastanza importante. Speriamo soltanto che la riforma in cantiere possa assicurare ai giovani italiani, quelli che si dice di voler tutelare, le stesse condizioni che hanno garantito una folgorante carriera per Silvia Deaglio, figlia della Fornero e di Mario Deaglio, entrambi economisti dell’Università di Torino. La quale, in barba alle parole del ministro Cancellieri sui giovani che vogliono il posto fisso vicino a mamma e papà, lo ha voluto cercare e lo ha trovato proprio all’Università dove avevano costruito la loro carriera i genitori. Ma si sa, le manchevolezze sono sempre degli altri.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*