Varicella: come prevenire il contagio a scuola

Salute

Varicella: come prevenire il contagio a scuola

Varicella: come prevenire il contagio a scuola
Varicella: come prevenire il contagio a scuola

Varicella: come prevenire il contagio a scuola. Ecco alcuni accorgimenti per evitare il contagio di varicella ai propri figli.

Varicella: come prevenire il contagio a scuola. Come ben sappiamo, la varicella fa parte di quelle malattie esantematiche che si prendono soprattutto da piccoli. Raramente, infatti, esse vengono in età adulta. La scuola è sicuramente uno dei luoghi dove il contagio avviene quasi in massa. Ogni giorno, infatti, ragazzi o bambini sono a contatto tra loro e questo aumenta le probabilità di contrarre malattie.

La varicella è generalmente benigna ma la possibilità di contagio è molto alta. Essa si trasmette con il contatto diretto con le lesioni. Altrimenti, tramite piccole gocce di secrezioni respiratorie. Tosse, starnuti e goccioloni di saliva, per la precisione. Per riconoscerla, si può effettuare un esame del sangue o capirlo da vescicole che si formano sul corpo. Esse sono contagiose nei primi 5-6 giorni dalla comparsa dell’esantema.

Generalmente il periodo di incubazione della malattia dura tra i 10 e i 20 giorni.

Dopodiché, inizia a manifestarsi. Le donne in gravidanza devono stare particolarmente attente poiché il bimbo potrebbe prendere l’infezione tramite placenta. I vaccini contro la varicella sono efficaci dal 70 all’85% per quel che riguarda infezioni lievi e al 95% per infezioni importanti.

Per i bimbi si raccomanda di farli vaccinare dai 12 ai 15 mesi e dai 4 ai 6 anni. Per prevenire il contagio è essenziale che il bambino o il ragazzino restino a casa e non vadano assolutamente a scuola. In tale ambiente il livello di rischio è altissimo, essendovi moltissime persone. Si raccomanda di lavare spesso le mani prima di mangiare e dopo essere stati in bagno.

Altra precauzione da prendere è quella di tenere il bambino lontano da fratelli o sorelle non vaccinati. Il rischio di prendere l’infezione, in tal caso, sarebbe altissimo. Rispettando queste semplicissime regole sarà molto più facile evitare il contagio della varicella tra scolari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

hand-351277_960_720
Salute

Come combattere le rughe con rimedi naturali

27 luglio 2017 di Maura Lugano

Sono le nemiche numero uno di ogni donna di ogni età, sono le rughe, le tanto odiate rughe, segno del tempo che passa, testimoni di una bellezza che di giorno in giorno cambia e si evolve. Le rughe, tra l’altro, iniziano ad essere il cruccio degli uomini, sempre più interessati al loro aspetto, e che talvolta attingono direttamente dalle donne i consigli per prendersi cura di sé, anche dei propri segni del tempo che passa.
La grande attrice Anna Magnani implorava i truccatori che non le coprissero nemmeno una delle rughe del viso, per lei esse erano simbolo delle esperienze belle e brutte della vita, ma oggi giorno si inizia presto a prendersi cura di questo problema, ogni donna ci tiene ad avere un aspetto giovane che le dia sicurezza, compiacimento e che susciti ammirazione.
Tante donne, soprattutto quelle che per varie ragioni vedono sul proprio viso apparire segni marcati di invecchiamento, desiderano un viso più piacevole, ma non vogliono ricorrere alla siringa o al bisturi, oppure non ne hanno la possibilità. Sono sempre più numerose quelle che cercano delle soluzioni naturali e dei prodotti naturali, in questa loro ricerca sicuramente possono trovare un aiuto e anche una soluzione.