Varicella: come si trasmette

Salute

Varicella: come si trasmette

Varicella: come si trasmette
Varicella: come si trasmette

Varicella: come si trasmette. Ecco quali sono le modalità di contagio di una delle malattie esantematiche più note e fastidiose.

Varicella: come si trasmette. La varicella è una malattia esantematica molto fastidiosa e soprattutto contagiosa. Si prende generalmente in tenera età ma anche da adulti. In quest’ultimo caso, il rischio di complicazioni gravi è più alto, anche se non garantito. Generalmente è bene vaccinarsi per non contrarla, ma andiamo per gradi. Come avviene il contagio, in quali occasioni? Le occasioni possono essere molte: a scuola, a lavoro o a casa di qualcuno che ha contratto la malattia.

Il contagio avviene per via aerea, sia nella fase in cui i sintomi non si sono ancora manifestati che nella fase acuta. La varicella causa la formazione di fastidiose vescicole sul corpo, che sono contagiose nei primi 5/6 giorni dalla loro comparsa. Esse sono anche uno dei modi, insieme alle analisi del sangue, per riconoscere che si tratta proprio di questa malattia.

Il periodo di incubazione della varicella va dai 10 ai 20 giorni.

È possibile contrarre il virus tramite gocce di saliva, starnuti o colpi di tosse. Le donne in gravidanza sono particolarmente a rischio poiché contrarre la varicella potrebbe causare problemi al feto. L’infezione, infatti, può essergli trasmessa tramite placenta.

Il vaccino contro tale malattia è efficace dal 70 all’85% per infezioni leggere e al 95% per prevenire casi più gravi. Può capitare che nonostante il vaccino si contragga la malattia, ma i sintomi sarebbero meno pesanti. I medici consigliano di vaccinare i propri figli dai 12 ai 15 mesi e fare un richiamo tra i 4 e i 6 anni.

Tra le cose più importanti da evitare c’è quella di andare a scuola, lavoro o qualunque altro luogo pubblico. Questo, per far sì che il virus non si trasmetta ad altre persone. È essenziale restare a casa a riposare e aspettare di essere totalmente guariti. Lavare bene le mani prima di mangiare e dopo essere stati in bagno.

Si tratta di una fastidiosa malattia, per cui prendere precauzioni per non contrarla è fondamentale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche