Varosia, ecco la meravigliosa città delle vacanze abbandonata

Varosia, la città delle vacanze abbandonata

Viaggi

Varosia, la città delle vacanze abbandonata

Varosia era una delle mete turistiche più importanti del mondo. Ora è una località totalmente abbandonata e deserta. Scopriamo il perché.

La città di Varosia, sull’isola di Cipro, era una delle destinazioni turistiche più famose al mondo che sia stata completamente abbandonata. I motivi di questo totale abbandono non sono ancora chiari. Lo scenario che offre questa bellissima città è alquanto desolante.

La storia di Varosia

Varosia, un tempo grande meta turistica, oggi rappresenta una delle più grandi città fantasma del mondo. Le sue case e i suoi palazzi in rovina stanno cadendo a pezzi e tutto questo a causa di un conflitto che ancora oggi colpisce questa meravigliosa isola. Paradossalmente però questa città fantasma potrebbe essere la chiave per riunificare Cipro.

L’esercito turco invase Cipro nel 1974, e nel questo comportò, nel giro di due giorni, alla abbandono totale di Varosia. La sua popolazione, che contava 39.000 abitanti lasciò completamente le proprie case per sfuggire dal quel sanguinoso conflitto.L’esercito turco riuscì a conquistare Varosia durante il secondo assalto, e da quel momento nessuno è potuto entrare in città se non i soldati turchi.

varosia

La Turchia ha invaso Cipro per fermare tutti quei movimenti politici che puntavano a un’unione politica di Cipro alla Grecia.

In quel periodo l’isola era governata dall’estrema destra.

Questo conflitto ha provocato la morte di circa 1,500 turco-ciprioti e di circa 8,000 greco-ciprioti, ed entrambe le parti hanno gridato al tentativo di pulizia etnica.

Al termine dei combattimenti, l’isola è stata divisa in due parti: il sud cipriota, uno stato riconosciuto dalla comunità internazionale e membro dell’Unione Europea, e il nord turco-cipriota, una repubblica riconosciuta soltanto dalla Turchia. I due stati sono separati da una zona cuscinetto controllata dalle Nazioni Unite. Varosia si trova nella parte turca di Cipro.

A differenza di quanto accaduto per molte altre cittadine cipriote, non è mai stata rifondata.

Com’è ora Varosia

Oggi Varosia è completamente abbandonata. La città è rimasta in totale abbandono, lasciata esattamente come si trovava dopo i conflitti. Gli abitanti l’hanno abbandonata e i tanti turisti che affollavano le spiagge della città hanno fatto le valigie e sono ripartiti.

Del lusso che caratterizzava la Varosia di una volta, dei centri commerciali, dei bar non è rimasto più nulla. In ricordo di quei bei tempi sono rimaste solo le foto di archivio. Nonostante questo apparente disinteresse non è morta la speranza di recuperare quel piccolo paradiso che era tanto amato dai turisti che provenivano da ogni parte del mondo. Molti sono stati gli appelli lanciati nei confronti della Turchia nella speranza di poter rivedere risplendere Varosia come ai bei tempi.

varosia

Al momento, gli unici abitanti di questa città fantasma sono le tartarughe marine, che affollano le spiagge deserte. Per il resto l’intera area è circondata da filo spinato e difesa da militari in pattuglia. Una vera e propria area off limits per tutte le persone che non appartengono all’esercito turco. Dal marzo 2012 l’Unione Europea ha iniziato il ruolo di mediatrice tra Turchia e Cipro. Nella speranza di riuscire a portare a termine un tavolo di pace che, però, al momento, risulta molto difficile da attuarsi.

varosia

Per saperne di più

Andando a visitare Varosia, non si può rinunciare a fare un giro per l’isola di Cipro.

Se non siete mai stati e, per questo motivo, non sapete come orientarvi, potete affidarvi alla guida di Lonely Planet. Questo libro contiene esperienze straordinarie, foto suggestive, consigli degli autori e la vera essenza dei luoghi. E’ utile quindi per personalizzare il proprio viaggio grazie agli strumenti e agli itinerari per pianificare il viaggio che si preferisce. In questa guida: paesaggi e natura, arte e cultura, lo stile di vita cipriota, a tavola con i ciprioti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche