Vaticano, aperta inchiesta sull'attico di Bertone - Notizie.it
Vaticano, aperta inchiesta sull’attico di Bertone
Cronaca

Vaticano, aperta inchiesta sull’attico di Bertone

Vaticano, aperta inchiesta sull'attico di Bertone

Il Vaticano ha deciso di aprire un’inchiesta per chiarire dove il cardinal Bertone ha trovato i soldi per la costruzione del super attico, cercando quindi di capire se sono stati usati o meno i soldi destinati all’ospedale pediatrico Bambin Gesù.

La notizia dell’inchiesta era stata anticipata da l’Espresso questa mattina e confermata nelle ultime ore e sarà la prima pagina del settimanale, che uscirà domani nelle edicole. Ma la storia del cardinal Bertone non è di certo nuova: da tempo, difatti, si pensa che il cardinale ed ex Segretario di Stato Vaticano abbia utilizzato una parte dei soldi destinati ai bambini malati per costruire l’attico tanto discusso. Poco prima del 2016, aveva già restituito 150.000 euro, affermando che non era una restituzione bensì una donazione all’ospedale pediatrico.

Il Vaticano ha però confermato che Bertone, nonostante sia il proprietario dell’attico, per il momento non è indagato, ma lo stesso non si può dire per Giuseppe Profiti e Massimo Spina, gli ex manager del Bambin Gesù, con l’accusa di appropriazione indebita.

L’indagine, partita inizialmente grazie alle rivelazioni di Avarizia, il libro pubblicato da Emiliano Fittipaldi, ha già trovato delle prove: sono numerosi difatti i documenti riguardanti lavori di ristrutturazione dell’immobile, pagati dalla fondazione che gestisce l’ospedale.

Inoltre, alcuni documenti confermerebbero dei pagamenti da parte del cardinale, ma che conducono a un’altra domanda: dove sono finiti i soldi del Bambin Gesù?

Michele Gentiloni Silveri, legale del cardinale, ha difeso il suo cliente affermando che mai Bertone abbia dato indicazioni alla fondazione per avviare pagamenti relativi all’appartamento, tanto meno di aver mosso soldi non suoi per altri scopi che non fossero relativi alla gestione dell’ospedale. Conclude infine assicurando che i lavori sono stati pagati personalmente dal cardinale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche