Vatileaks 2, Papa Francesco sereno: liberi dagli affanni di cose effimere

News

Vatileaks 2, Papa Francesco sereno: liberi dagli affanni di cose effimere

Pope Francis

“Non sono un corvo, non ho tradito il Papa. Non ho mai dato un foglio a nessuno. Mai a nessuno”. Con queste parole, diffuse ieri tramite l’account Twitter, Francesca Immacolata Chaouqui ha voluto la chiarire la sua posizione nell’ambito dell’inchiesta Vatileaks 2, che si sta abbattendo come un terremoto sulla Chiesa.

La donna, arrestata dalla Gendarmeria Vaticana insieme con monsignor Lucio Angel Vallejo Balda con l’accusa di avere diffuso documenti riservati, assistita dall’avvocato Giulia Bongiorno, è già stata rilasciata a seguito dell’ampia collaborazione fornita agli inquirenti. Un altro messaggio, questa volta su Facebook, si accompagna con una foto che la ritrae con Papa Francesco: “emergerà presto ne ho la certezza e la totale fiducia negli inquirenti. Non c’è niente che abbia amato e difeso più della Chiesa e del Papa. Neanche la mia dignità. Avrei potuto stare a casa e non presentarmi in Vaticano ma come sempre ho anteposto tutto al Papa.

Adesso le cose andranno a posto. Niente compatimenti per favore, io sono a testa alta, niente di cui vergognarmi”. Che cosa sia davvero successo e chi siano i responsabili effettivi della diffusione dei documenti è materia su cui dovranno esprimersi gli investigatori, al momento impegnati con il massimo sforzo allo studio del caso. Di certo, però, la fuga di documenti c’è stata.

Il Papa, nel frattempo, ha invitato ad andare avanti “con serenità e determinazione“, secondo quanto ha riferito monsignor Angelo Giovanni Becciu, sostituto della segreteria vaticana, cercando di non dare peso eccessivo alle “cose effimere“, come ha invece evidenziato ieri mattina nell’omelia per la messa in suffragio di cardinali e vescovi defunti quest’anno: “che sia sufficiente alla nostra vita la Pasqua del Signore, per essere liberi dagli affanni delle cose effimere, che passano e svaniscono nel nulla. Che ci basti Lui, in cui ci sono vita, salvezza, risurrezione e gioia.

Allora saremo servi secondo il suo cuore: non funzionari che prestano servizio, ma figli amati che donano la vita per il mondo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche