Vendola: “Notte bianca per salvare la Rai”

Politica

Vendola: “Notte bianca per salvare la Rai”

Il leader di SeL Nichi Vendola, sull’annosa questione della Rai, ha dichiarato: “Domani pomeriggio sarò in Piazza Farnese a Roma e parteciperò alla Notte Bianca per salvare la Rai, organizzata da MoveOn Italia. Lo stato in cui versa la più grande industria culturale del paese è lo specchio della situazione italiana, caratterizzata dalla presenza ingombrante ed elefantiaca dei partiti che più che preoccuparsi di organizzare la democrazia, occupano tutti i luoghi della democrazia. Non sono più accettabili le imposizioni e i controlli della politica, che ha la presunzione di considerare come cosa propria un’azienda di Stato. Fuori i partiti dalla Rai, bisogna che tramonti la stagione delle nomine ad hoc, delle spartizioni, dei telegiornali di partito, delle ingerenze sulla vigilanza e sui contenuti della tv di Stato. La Rai è stata vilipesa, vituperata e poi mortificata da editti bulgari, telefonate in diretta alle trasmissioni televisive scomode per cercare di intimidire i conduttori e inibire il dibattito, e lentamente ha perso il ruolo di punto di riferimento della cultura italiana.
Investire in cultura vuol dire anche salvaguardare il ruolo della Rai.

Nel mio programma ho inserito alcune proposte: innanzitutto, va abolita la legge Gasparri; in secondo luogo, la Rai deve restare pubblica, deve favorire la programmazione del cinema italiano ed europeo e deve contribuire allo sviluppo di un mercato concorrenziale di produttori indipendenti, molto spesso ostacolati dai grossi produttori internazionali. Inoltre, il Consiglio di Amministrazione non può essere prerogativa dei partiti, ma deve prevedere l’inserimento di figure di garanzia per i cittadini e per i lavoratori.
Il ruolo pubblico della Rai e la tutela della sua indipendenza è un tema delicato, su cui sarebbe opportuno che si esprimessero anche gli altri partiti, perché questo è un argomento che ha a che fare con il rinnovamento reale del Paese”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche