Venezia affonda di uno-due millimetri all’anno

Ambiente

Venezia affonda di uno-due millimetri all’anno

E se Venezia affondasse? Gli ultimi a cimentarsi con il problema dello sprofondamento della laguna sono stati i ricercatori californiani dello Scripps Institution of Oceanography dell’università della California, dell’università di Miami e dell’azienda italiana Telerilevamento Europa. Pubblicheranno un articolo il 28 marzo su Geochemistry, Geophysics e Geosystems, la rivista della società americana di Geofisica. L’articolo rivelerà i dettagli della loro scoperta, ovvero che Venezia si sta abbassando e che si sta addirittura spostando verso est. 

 Dall’analisi emerge che in media la città sprofonda tra 1 e 2 millimetri l’anno, mentre le isole della laguna calano di 2-3 millimetri nella parte nord e 3-4 in quella sud, mentre il movimento verso est è di 1-2 millimetri. 

Se i numeri trovati hanno fatto strabuzzare gli occhi agli esperti di oltreoceano non hanno però stupito i ricercatori di casa nostra: “Sono d’accordo con i numeri trovati dalla ricerca, ma non con l’interpretazione che si dà dei dati – spiega Luigi Tosi, geologo dell’Istituto di Scienze Marine del Cnr – il fatto che la laguna si abbassi di pochi millimetri l’anno era stato già osservato da diverse ricerche precedenti, per cui la conclusione che ‘Venezia ha ricominciato ad affondare’ mi sembra forzata”. 



“L’abbassamento va sommato all’innalzamento delle acque, che potrebbe arrivare addirittura a 50 centimetri entro fine secolo – spiega Tosi – il Mose è progettato per entrare in azione solo per maree superiori a 110 centimetri, quindi 10-20 volte l’anno.

In caso di un innalzamento così grande delle acque, però, la quota di 110 centimetri verrebbe superata molto più spesso, fino a 200 giorni l’anno”. 

Proprio Tosi, insieme ad alcuni matematici dell’università di Padova, sta lavorando a uno studio sulla possibilità di alzare Venezia pompando acqua nel sottosuolo: “Il modello teorico funziona molto bene, ma ancora servirà molta ricerca per metterlo in pratica – sottolinea l’esperto – si potrebbe ‘aiutare’ il Mose con un innalzamento di circa 10 centimetri”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Chiara Cichero 1240 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.